Baci di dama

Salve amici e buon lunedì! Ieri ho avuto una giornata super impegnata ma non potevo lasciarvi senza il dolcetto del lunedì, quello che tutto sistema e tutto addolcisce. Questa settimana ho preparato i BACI DI DAMA, dei golosi e friabili biscottini di pasta frolla alla nocciola uniti insieme dal cioccolato fondente, un grande classico che non tramonta mai. A questi biscotti ho legato dei ricordi molto particolari e lontani, li avevo preparati infatti per mio marito molti anni fa, quando da poco fidanzati, andai a trovarlo in un rifugio di montagna dove, da militare di leva prestava il servizio Meteomont, e siccome c’era una ricorrenza da festeggiare arrivai con un vassoio pieno di Baci di Dama preparati per lui con le mie manine ❤ avevo vent’anni ed ero tanto innamorata … Ricordo che lui e le altre persone presenti al rifugio apprezzarono molto. Bene, dopo questo breve aneddoto vi dico che comunque i Baci di Dama li preparo sempre volentieri perché mi piacciono molto 🙂 Buona giornata a voi!

Ingredienti:

  • 150 gr. nocciole sgusciate
  • 150 gr. farina 00
  • 125 gr. burro
  • 150 gr. zucchero
  • 70 gr. cioccolato fondente

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 15 minuti

Procedimento:

Ricetta Baci di Dama
In un pentolino tostare le nocciole per 4-5 minuti muovendole continuamente per non farle bruciare. Se avete delle nocciole ancora con la buccia una volta tostate passatele tra le mani per eliminare la buccia
Ricetta Baci di Dama
Con un mixer tritare le nocciole riducendole in farina
Ricetta Baci di Dama
Unire in una terrina farina, zucchero, farina di nocciole e burro freddo di frigo a pezzetti
Ricetta Baci di Dama
Amalgamare con le dita fino ad ottenere delle grosse briciole
Ricetta Baci di Dama
Rovesciare sul piano di lavoro ed amalgamare fino ad ottenere un panetto omogeneo
Ricetta Baci di Dama
Appiattire il panetto, coprirlo con la pellicola trasparente e riporre in frigo per 1 ora
Ricetta Baci di Dama
Riprendere il panetto e formare dei rotolini di due centimetri di diametro, tagliare dei pezzetti da 1 centimetro e formare delle palline tra le mani
Ricetta Baci di Dama
Disporre le palline sulla placca del forno su un foglio di carta forno e cuocere in forno caldo a 160 gradi per 15 minuti
Ricetta Baci di Dama
Estrarre dal forno e lasciar raffreddare
Ricetta Baci di Dama
Spezzettare il cioccolato e scioglierlo al microonde
Ricetta Baci di Dama
Con un cucchiaino mettere un po di cioccolato fuso sulla base piatta di un biscotto e unirlo alla base piatta di un altro biscotto
Ricetta Baci di Dama
Procedere così con tutti i biscotti
Ricetta Baci di Dama
Ed ecco i vostri Baci di Dama

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Polpette saporite

Quando mi sono messa a pensare all’articolo per questo piatto ho avuto un po’ di difficoltà a trovare il nome più adatto a questa ricetta, inizialmente volevo chiamarle Polpette su stecco avvolte in pancetta ripiene di formaggio 😀 ma mi sembrava un tantino lunghetto, mancava solo che ci aggiungessi alla fine – cotte al forno – e così avevo proprio scritto tutto 😀 poi ho iniziato ad accorciare, si tratta senza dubbio di un secondo piatto di carne, ma non sapevo se chiamarle Polpette al Formaggio o Polpette alla Pancetta, Polpette al Forno o Polpette su Stecco, alla fine, come al solito tra i 2 litiganti si sa, il terzo gode, per cui ho deciso di chiamarle con un nome ancora diverso e quindi sono diventate Polpette Saporite. In effetti sono davvero delle polpette saporite, l’impasto di carne classico delle polpette che racchiude un bastoncino di formaggio, il tutto avvolto a due belle fette di pancetta e infilato su uno stecco, potremmo chiamarla un’americanata ma con la qualità degli ingredienti di una più classica ricetta italiana. Si tratta di un secondo piatto semplice e goloso, particolarmente adatto ai bambini visto che le polpette sono infilate su un grosso stuzzicadenti come fossero un gelato, e manco a dirlo i miei, grandi e piccoli uomini, se le sono divorate in men che non si dica 😀

Ingredienti per 6 polpette:

  • 400 gr. carne macinata
  • 100 gr. formaggio
  • 70 gr. pancetta stesa cruda
  • 2 fette di pane raffermo (30-40 gr.)
  • 4 cucchiai di latte
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di prezzemolo
  • 2 cucchiai di formaggio grattugiato
  • sale, pepe

Tempi di preparazione: 30 minuti

Tempi di cottura: 20 minuti

Procedimento:

Ricetta polpette al forno
Tagliare il pane a cubetti e bagnarlo con il latte
Ricetta polpette al forno su
Schiacciare e mescolare il pane fino a ridurlo in poltiglia
Ricetta polpette al forno
In una terrina amalgamare la carne macinata con l’uovo, il formaggio, il prezzemolo, il sale, il pepe ed il pane amalgamato con il latte. Se il composto dovesse risultare troppo morbido potete asciugarlo unendo un po’ di pangrattato
Ricetta polpette al forno
Tagliare il formaggio a forma di parallelepipedo e infilzarlo sullo stuzzicadente
Ricetta polpette al forno su
Avvolgere una polpetta di carne attorno al formaggio e avvolgere il tutto con due fette di pancetta
Ricetta polpette al forno su
Disporre le polpette su stecco in una pirofila leggermente unta di olio
Ricetta polpette al forno su
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 20 minuti
Ricetta polpette al forno
Servire le polpette al formaggio avvolte in pancetta appena sfornate

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Pane di segale

Avete presente quei panini di pane nero, con la crosta spessa e croccante e l’interno compatto tipici austriaci o dell’Alto Adige che vi danno nei ristoranti per la prima colazione da spalmare con dell’ottima marmellata di albicocche? Beh io li adoro!! Li ho mangiati di recente in un ristorante dell’alto Veneto, quando lo scorso mese di gennaio sono andata con mio marito per usufruire del regalo che mi ha fatto lui l’anno scorso per Natale: un soggiorno al Centro Benessere, una cosa totalmente rilassante e appagante, 24 ore tutte per noi con sauna, idromassaggio, annessi e connessi, e a cena, nel cesto del pane c’erano questi meravigliosi panini di segale, così in ricordo di questa breve ma piacevole e rigenerante vacanza ho rifatto i panini. Per la preparazione ho utilizzato tutta farina di segale, la lievitazione è un tantino lunga, ma se riuscite ad avere pazienza sarete sicuramente ripagati 🙂

Ingredienti:

  • 400 gr. farina di segale
  • 300 gr. acqua
  • 1 cucchiaio di miele
  • 5 gr. sale
  • 12 gr. lievito di birra
  • 3-4 cucchiai di semi a piacere

Tempi di preparazione: 20 minuti (+ 6 ore di lievitazione)

Tempo di cottura: 1 ora

Procedimento:

Ricetta Pane di segale
Nella tazza della planetaria setacciare la farina ed aggiungere lievito sbriciolato, sale e miele
Ricetta Pane di segale
Aggiungere anche l’acqua ed iniziare ad amalgamare
Ricetta Pane di segale
Amalgamare per qualche minuti, poi rovesciare l’impasto sul tavolo
Ricetta Pane di segale
Infarinare il recipiente e rimettere dentro l’impasto. Mettere a lievitare in forno spento con la luce accesa per 4 ore

Ricetta Pane di segale

Ricetta Pane di segale
Con l’aiuto di poca farina formare una palla
Ricetta Pane di segale
Una volta lievitato impastare nuovamente aggiungendo 3-4 cucchiai di semi a piacere
Ricetta Pane di segale
Rovesciare l’impasto sul tavolo e con l’aiuto di un po’ di farina dividerlo in 4 e formare i panini, l’impasto risulterà molto morbido
Ricetta Pane di segale
Mettere i panini sulla leccarda del forno coperta da carta forno, praticare 2 tagli obliqui e lasciar lievitare ancora 2 ore sempre con la stessa modalità. Trascorso il tempo di lievitazione cuocere in forno caldo a 190 gradi per 1 ora
Ricetta Pane di segale
Ed ecco qui il vostro pane nero

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Castagnole

Le CASTAGNOLE sono uno dei dolci tipici di carnevale, si tratta di palline di impasto cotte in olio bollente e poi cosparse di zucchero a velo. Come la maggior parte dei dolci di Carnevale, quali Crostoli o Chiacchiere che dir si voglia, Frittelle, Ciambelle, anche le Castagnole vengono fritte, a differenza di questi dolci però, le Castagnole hanno una consistenza più “biscottosa”. Questi dolci fanno la gioia e l’allegria dei bambini in questo periodo così festoso e giocoso, e allora visto che è Carnevale approfittiamo per prepararle perchè passato questo periodo sicuramente passeremo ad altro e non le faremo più. Preparando questi dolcetti è molto importante fare attenzione alla temperatura dell’olio, che non deve superare i 170 gradi altrimenti le Castagnole si cuoceranno troppo in fretta e tenderanno anche ad aprirsi, ma non dovrà nemmeno andare sotto i 160 gradi, altrimenti le Castagnole si impregneranno di olio.

Ingredienti:

  • 300 gr. farina
  • 50 gr. frumina
  • 2 uova
  • 1/2 bustina lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 fialetta di aroma limone
  • 50 gr. burro
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 bicchierino di grappa
  • 75 gr. zucchero
  • olio di arachidi
  • zucchero a velo

Tempi di preparazione: 15 minuti

Tempi di cottura: 5 minuti

Procedimento:

Ricetta Castagnole
In una terrina setacciare farina e frumina, fare un buco al centro ed unire lo zucchero, la vanillina, il lievito, il sale, le uova e l’aroma limone e la grappa o al suo posto la stessa quantità di latte
Ricetta Castagnole
Mescolare al centro fino ad ottenere un impasto denso, poi unire il burro tagliato a cubetti
Ricetta Castagnole
Amalgamare il tutto e rovesciare l’impasto sul tavolo
Ricetta Castagnole
Lavorare gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, deve risultare morbido ma non appiccicoso
Ricetta Castagnole
Dividere l’impasto e con ogni pezzo formare dei cordoncini
Ricetta Castagnole
Tagliare ogni cordoncino a mo’ di gnocco e formare delle palline passandoli tra le mani

 

Ricetta Castagnole

Ricetta Castagnole
Riscaldare l’olio a 160-170 gradi e cuocere le castagnole fino a quando non si saranno scurite su tutta la circonferenza
Ricetta Castagnole
Ci vorranno 5 minuti circa
Ricetta Castagnole
Cospargere le castagnole con zucchero a velo

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Orata al limone

Eccoci qua, per la serie venerdì pesce, oggi vi propongo la ricetta di un secondo piatto di pesce molto sfizioso, una ricetta light, fresca e gustosa, l’Orata al Limone. Me ne aveva parlato un collega di lavoro un giorno durante la pausa caffè, mi era subito piaciuta ma l’avevo memorizzata un po’ così, velocemente, sempre con l’intenzione di farla e poi rimanda e rimanda l’avevo quasi dimenticata. Cercando un po’ in giro ne avevo trovata una simile su uno dei miei libri di cucina friulana, così mi è ritornata alla mente e l’ho fatta, cercando nei meandri della mia memoria. A casa mia il pesce è sempre molto gradito, nonostante siamo più vicini alle montagne che al mare lo cuciniamo abbastanza spesso anche se la nostra tradizione prevede una cucina più orientata alla carne, a forza di tenta e ritenta un pochino ho imparato a cucinarlo 🙂  se vi ispira provatela e fatemi sapere se vi è piaciuta 😉

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 orate da 600 gr. l’una circa
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 2 spicchi di aglio
  • 4 foglie di alloro
  • 1 limone
  • olio Extravergine di Oliva
  • sale

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 40 minuti

Procedimento:

Ricetta Orata al limone
Preparare un trito con aglio e prezzemolo
Ricetta Orata al limone
Curare le orate tagliando il ventre ed estrendo le viscere. Tenendo l’orata per la coda con un coltello raschiare le squame
Ricetta Orata al limone
Lavare le orate sotto l’acqua corrente ed asciugarle con della carta da cucina
Ricetta Orata al limone
Riempire il ventre con il trito ed aggiungere una foglia di alloro
Ricetta Orata al limone
Cospargere le orate con aglio e prezzemolo e salarle
Ricetta Orata al limone
Tagliare il limone a fettine
Ricetta Orata al limone
Disporre le orate sopra un foglio di carta forno, coprirle con le fette di limone, un goccio d’olio ed irrorarle con il vino ed infornare
Ricetta Orata al limone
Cuocere a 180 gradi per 40 minuti
Ricetta Orata al limone
Servire l’orata calda con il suo sughetto

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Ketchup

Non avevo mai pensato al Ketchup fatto in casa, pensavo che fosse una di quelle salse con l’ingrediente segreto noto solo a pochi, ma qualche tempo fa ho visto sul blog di Paola questa ricetta e mi si è accesa una lampadina … lo devo fare anche io! Non so da voi ma a casa mia di Ketchup se ne consuma a quintalate, ne io ne mio marito lo mangiamo ma i miei figli, soprattutto il più piccolo lo metterebbe ovunque ed io faccio fatica a toglierglielo ogni volta. I Ketchup che si trovano in commercio non sono di certo di grande qualità, ed anche il sapore, a parer mio, lascia alquanto a desiderare, ma ora forse ho trovato una soluzione! Prepararlo in casa!! 🙂  Essendo la prima volta ho diminuito un po’ le dosi in proporzione, adattato la ricetta agli ingredienti che avevo in casa e rinforzato un po’ il pomodoro che in questa stagione sa di poco, aggiungendo del doppio concentrato, il risultato è stato, devo dire, eccezionale!! Il Ketchup ha un gusto davvero straordinario, niente a che vedere con quello che si compra, tanto che ne abbiamo mangiato in abbondanza anche io e mio marito, quindi non vi resta che provarlo 😉

Ingredienti:

  • 1,5 kg. pomodori maturi
  • 300 gr. cipolla
  • 1 gambo di sedano (130 gr.)
  • 25 gr. zucchero di canna
  • 55 gr. zucchero semolato
  • 110 ml. aceto di mele
  • 2 cucchiai di doppio concentrato di pomodoro
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di senape di Digione
  • 1/2 cucchiaino di paprika dolce

Tempo di preparazione: 1 h

Tempo di cottura: 1 h

Procedimento:

Ricetta Ketchup fatto in casa
Lavare i pomodori e mettere a bollire dell’acqua
Ricetta Ketchup fatto in casa
Quando l’acqua bolle aggiungere i pomodori e lasciandoli per un paio di minuti
Ricetta Ketchup fatto in casa
Estrarre i pomodori, pelarli, eliminare i semi e tagliarli in piccoli pezzi
Ricetta Ketchup fatto in casa
Mettere a cuocere i pomodori in una pentola antiaderente
Ricetta Ketchup fatto in casa
Lavare e pulire sedano e cipolla, tagliarli a tocchetti ed aggiungerli ai pomodori
Ricetta Ketchup fatto in casa
Mescolare ed aggiungere anche il doppio concentrato di pomodoro
Ricetta Ketchup fatto in casa
Cuocere per 20 minuti a cominciare dal bollore
Ricetta Ketchup fatto in casa
Passare tutto al passaverdure
Ricetta Ketchup fatto in casa
E rifinire con un frullatore ad immersione
Ricetta Ketchup fatto in casa
Aggiungere ora gli zuccheri, la senape, il sale, l’aceto e la paprika
Ricetta Ketchup fatto in casa
Cuocere ancora 40 minuti, quando avrà la consistenza del Ketchup sarà pronta. Trasferire la salsa bollente nei vasetti puliti e asciutti, chiuderli ermeticamente e rovesciarli.
Ricetta Ketchup fatto in casa
Quando il Ketchup è perfettamente freddo è pronto per essere gustato

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Crostata di frutta a cuore

San Valentino è alle porte, e per chi ha deciso di stare lontano dai ristoranti affollati e di passarlo a casa per una cenetta romantica a due magari a lume di candela lascio un’idea per la torta degli innamorati, la Crostata di Frutta a forma di Cuore, un dolce semplice da preparare ed anche abbastanza veloce, la pasta frolla si può preparare in anticipo e tenerla in frigo fino al momento di cuocerla e la crema pasticcera al limone si prepara in un momento, per quanto riguarda la frutta potere utilizzare quella che preferite, essendo San Valentino potreste andare sui frutti rossi così non dovete nemmeno stare a tagliarli 🙂 vedrete che il vostro lui o la vostra lei ne rimarrà piacevolmente colpito.

Ingredienti:

Per la pasta frolla

  • 300 gr. farina
  • 120 gr. zucchero
  • 120 gr. burro
  • 1 uovo intero + un tuorlo
  • i semi di 1/2 bacca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera al limone:

  • 3 tuorli d’uovo
  • 120 gr. zucchero
  • la buccia di 1 limone
  • 400 ml. latte
  • 100 ml. panna
  • 35 gr. amido di mais

Frutta mista a piacere io ad esempio:

  • 1/2 mela
  • 1 banana
  • 1 kiwi
  • 1 mandarino
  • 2 fette di ananas

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura: 30 minuti

Procedimento: 45 minuti

Preparare la pasta frolla con la ricetta che trovate qui

Ricetta Crostata alla frutta a cuore

Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Lavorare brevemente la pasta frolla e poi stenderla con il mattarello
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Sovrapporla alla forma a cuore e modellarla delicatamente in modo da farla aderire bene
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Tagliare l’eccesso di pasta e ricavare un cordoncino
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Posizionare il cordoncino sul perimetro del cuore e schiacciarlo col cucchiaino facendo attenzione a farlo aderire bene alla pasta sottostante
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Bucherellare con la forchetta la pasta sfoglia
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Coprire il cuore con la carta forno e dei fagioli per evitare che cresca e infornare a 180 gradi per 25-30 minuti
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Mentre la frolla cuoce preparare la crema pasticcera. Mettere in una terrina i tuorli d’uovo, lo zucchero e l’amido di mais
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Mescolare fino ad amalgamare tutti gli ingredienti
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Mettere sul fuoco il latte, la panna e la buccia del limone lavato (solo la parte gialla) e portare quasi a bollore
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Rovesciare il latte sul composto di tuorli filtrando la buccia del limone ed amalgamare
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Rimettere nuovamente il composto nella pentola, riaccendere il gas e mescolare continuamente
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Quando la crema comincia ad addensarsi mescolare più velocemente per evitare la formazione di grumi, spegnere il gas e continuare a mescolare ancora un paio di minuti. Rovesciare la crema pasticcera in una terrina bassa e larga, coprire con pellicola a contatto e mettere nel frigo a raffreddare
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Una volta cotto e raffreddato potere riempire il cuore con la crema pasticcera al limone anch’essa fredda
Ricetta Crostata a Cuore alla frutta
Tagliare la frutta in piccoli pezzi e guarnire a piacere

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Pollo alla diavola

Ciao a tutti, oggi prepariamo un secondo piatto di carne semplicissimo e molto gustoso il Pollo alla Diavola. In genere il pollo alla diavola si prepara intero, io invece per praticità ho pensato di prepararlo a pezzi, un po’ di petto ed un po’ di coscia. Non per vantarmi ma sono molto orgogliosa di questo mio polletto alla diavola, il gusto era molto buono, piccantino al punto giusto e le carni tenere e succose anche all’interno, inoltre è molto semplice e pratico da preparare, garantito! Se non lo avete mai assaggiato provatelo, ne vale la pena, se invece già lo cucinate provate la mia versione e vedrete che ne rimarrete soddisfatti!

Ingredienti:

  • 1 kg. di pollo tra petto e coscia (3+3 pz.)
  • 4 cucchiai olio EVO
  • 1 cucchiaino sale
  • pepe
  • 1 cucchiaio senape di Digione
  • 1 mazzetto di salvia
  • 1 mazzetto di rosmarino
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 peperoncino secco
  • 1 cucchiaino di paprika dolce
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • maggiorana

Tempi di preparazione: 10 minuti

Tempi di cottura: 40-45 minuti

Procedimento:

Ricetta Pollo alla Diavola
Tritare insieme salvia, rosmarino e aglio
Ricetta Pollo alla Diavola
In un recipiente mettere il trito, il sale, il pepe, il peperoncino, la senape, la paprica, la maggiorana e l’olio
Ricetta Pollo alla Diavola
Mescolare tutti gli ingredienti
Ricetta Pollo alla Diavola
Lavare, asciugare il pollo e disporlo in una casseruola
Ricetta Pollo alla Diavola
Con un pennello spennellare bene il pollo con il composto su entrambi i lati
Ricetta Pollo alla Diavola
Lasciar riposare per 1 ora
Ricetta Pollo alla Diavola
Cuocere il pollo a fuoco vivo per 10 minuti rigirandolo
Ricetta Pollo alla Diavola
Sfumare con il vino, far evaporare e mettere a cuocere in forno a 200 gradi per 30-35 minuti
Ricetta Pollo alla Diavola
Ed ecco il pollo pronto con il suo sughetto
Ricetta Pollo alla Diavola
Potete gustarlo con delle patate al forno o in padella

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Patate in padella

Buongiorno amici, oggi vi lascio la ricetta di un contorno classico che prepara sempre mia mamma, le patate in padella, una ricetta semplice e veloce, con pochi ingredienti, un contorno jolly che si abbina a qualsiasi secondo piatto ma che è buono anche semplicemente con una bella fetta di formaggio ed una insalata verde. La preparazione è molto semplice, per velocità le patate possono essere lessate prima, brevemente, e poi solo ripassate nel burro, come ho fatto io, ma potete anche tagliarle a cubetti piccolini e cuocerle direttamente in padella, si cuoceranno in poco tempo e si arrotonderanno sui bordi formando una crosticina gustosa.

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 gr. patate
  • 40 gr. burro
  • olio EVO
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 rametto rosmarino
  • sale, pepe

Tempi di preparazione: 10 minuti

Tempi di cottura: 30 minuti

Procedimento:

Ricetta patate in padella
Lessare per 5 minuti le patate intere con tutta la buccia in pentola a pressione con poca acqua e leggermente salate, pelarle, tagliarle a cubetti e metterle in una pentola antiaderente con il burro, l’aglio, il rosmarino, sale e pepe
Ricetta patate in padella
Cuocere le patate per una ventina di minuti rigirandole spesso
Ricetta patate in padella
Quando le patate saranno tenere sono cotte, servirle ben calde

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Strudel di mele

Lo Strudel di mele è un dolce tipico del Trentino Alto Adige, si tratta di un impasto che viene steso e farcito con mele, cannella, uvetta, noci, pangrattato e marmellata, viene poi arrotolato e cotto, è un dolce semplice e buono per la sua semplicità. Dello strudel ne esistono però molte varianti preparate ad esempio con le pere, con la ricotta o con il cioccolato, per non parlare delle versioni salate. In tanti, per praticità lo preparano con la pasta sfoglia già pronta perché viene comunque buono, ma vuoi mettere la soddisfazione a preparare da soli anche la pasta 😀 Lo Strudel di mele è molto comune anche dalle mie parti ma è ancor più diffuso in Austria, dove l’Apfelstrudel come viene chiamato, viene servito con della crema alla vaniglia o con una pallina di gelato … goduria allo stato puro. Lo Strudel rientra nella categoria dei dolci non troppo dolci, per cui è uno dei dolci preferiti da mio marito ma anche i miei figli lo amano particolarmente, generalmente quando lo preparo per il pranzo fatica ad arrivare a sera, con la scusa che è leggero, che ha tante mele viene spazzolato in un baleno. Buona giornata a voi e buon inizio di questa settimana di febbraio! 🙂

Ingredienti:

per la pasta:

  • 150 gr. farina 00
  • 1/2 uovo
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1/2 cucchiaino di lievito
  • 1/2 cucchiaio di olio
  • 1 pizzico di sale
  • buccia grattugiata di 1/2 limone
  • 15 gr. burro

per la farcia:

  • 800/900 gr. mele Golden
  • 125 gr. uva passa
  • buccia grattugiata di 1/2 limone
  • 80 gr. burro
  • 80 gr. pangrattato
  • 125 gr. noci
  • 1 cucchiaio zucchero
  • cannella
  • 2-3 cucchiai marmellata di arance
  • Rhum
  • 1/2 uovo

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura:

Procedimento:

Ricetta Strudel di mele
Sciogliere il burro in mezzo bicchiere di acqua tiepida
Ricetta Strudel di mele
Setacciare la farina sul piano di lavoro, fare un buco al centro e mettere metà uovo (sia albume che tuorlo, un cucchiaio di zucchero, mezzo cucchiaino di lievito, mezzo cucchiaio di olio, la buccia del limone ed il burro sciolto nell’acqua, amalgamare fino ad ottenere un panetto omogeneo
Ricetta Strudel di mele
Scaldare sul fuoco una pentola e coprire il panetto
Ricetta Strudel di mele
Mettere in ammollo l’uvetta in acqua tiepida, tagliare grossolanamente le noci
Ricetta Strudel di mele
Sciogliere 80 gr. di burro in un pentolino ed aggiungere il pangrattato
Ricetta Strudel di mele
Pelare le mele e tagliarle a fettine
Ricetta Strudel di mele
Una volta pronto il ripieno riprendere il panetto e stenderlo con un mattarello
Ricetta Strudel di mele
Formare un rettangolo di pasta sottile grande tanto quanto la teglia del forno
Ricetta Strudel di mele
Versarci il pangrattato con le noci lasciando liberi i bordi
Ricetta Strudel di mele
Aggiungere l’uvetta, le mele, la marmellata, un cucchiaio di zucchero, una spolverata di cannella, la buccia grattugiata del limone ed innaffiare con del rum
Ricetta Strudel di mele
Chiudere i lati e poi arrotolare lo strudel sigillando bene i bordi
Ricetta Strudel di mele
Trasferire lo strudel sulla placca del forno con la chiusura rivolta verso il basso
Ricetta Strudel di mele
Spennellare lo strudel con l’uovo rimasto e mettere a cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per 35 minuti
Ricetta Strudel di mele
Estrarre lo strudel, lasciarlo raffreddare e trasferirlo sul piatto di portata
Ricetta Strudel di mele
Ed ecco il vostro Strudel di mele

Ricetta Strudel di mele

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Minestra di rombo e broccoli

Sarà che quest’anno l’inverno è particolarmente lungo e rigido, sarà che sto invecchiando 😀 ma ultimamente sono un po’ fissata con le minestre ed in questi ultimi tempi devo dire che ne ho preparate alcune molto particolari e gustose, come questa MINESTRA DI ROMBO E BROCCOLI. Si tratta di un primo piatto molto particolare, la preparazione è abbastanza articolata ma vi assicuro che ne vale veramente la pena. I broccoli vengono scottati a parte ed anche il rombo viene cotto separatamente e unito alla fine alla minestra pronta. La Minestra di Rombo e Broccoli è un primo piatto ideale per il pranzo della domenica o per un giorno di festa, si avvicina San Valentino e se il vostro lui o la vostra lei è un amante del genere con questa ricetta farete sicuramente breccia nel suo cuore. A mio marito è piaciuta un sacco ed anche i miei figli, che non sono dei patiti di minestre, hanno gradito molto.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rombo da 1 kg. circa
  • 300 gr. cavolo romano
  • 150 gr. spaghettini
  • 200 gr. pomodori pelati
  • 1 gambo di sedano
  • cipolla
  • 2 spicchio d’aglio
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • 1 peperoncino piccante secco
  • 1 filetto d’acciuga
  • vino bianco secco
  • olio EVO
  • sale

Tempo di preparazione: 1 ora

Tempo di cottura: 50 minuti

Procedimento:

Ricetta minestra di rombo e broccoli
Curare, lavare e tagliare grossolanamente sedano, cipolla e aglio
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Pulire il rombo facendo una incisione sul retro e togliendo le viscere, o meglio fatevelo pulire del pescivendolo come ho fatto io
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Lavare il rombo sotto l’acqua corrente ed asciugarlo con della carta casa
Ricetta minestra di rombo e broccoli
In una pentola capiente mettere il pesce, le verdure ed il sale, coprire con acqua fredda e cuocere per 20 minuti
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Estrarre il pesce, togliergli la pelle, ricavare la carne e metterla da parte
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Rimettere la testa e le lische nel brodo e cuocere ancora 15 minuti
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Lavare il cavolo romano, separare le cimette e cuocerle per 3 minuti in acqua bollente leggermente salata, scolarle e tenerle da parte
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Soffriggere in una casseruola aglio, prezzemolo, il peperoncino e l’acciuga con un filo d’olio
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Aggiungere i pomodori pelati e schiacciarli con la forchetta
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Sfumare con il vino
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Aggiungere il broccolo e lasciar insaporire un paio di minuti
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Aggiungere il brodo di pesce filtrandolo e portare a bollore
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Quando il brodo bolle aggiungere gli spaghettini spezzettati e portare a cottura
Ricetta minestra di rombo e broccoli
Versare la minestra calda nei piatti ed aggiungere in ogni piatto dei filetti di pesce

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Involtini di zucchine e speck

Gli involtini di zucchine e speck sono un antipasto sfizioso che ho preparato durante le feste di Natale, si, lo so, ormai le feste sono passate, ma questo resta comunque un antipasto sfizioso da tirare fuori dal cilindro in qualsiasi occasione. Infatti può essere gustato freddo, come antipasto o come stuzzichino con l’aperitivo, è molto veloce da fare e si prepara fondamentalmente con 3 ingredienti, zucchine, speck e Philadelphia, può essere preparato anche in anticipo ed è un’idea carina da preparare per San Valentino … poi … vedete voi 🙂

Ingredienti:

  • 1 hg. speck
  • 80 gr. Philadelphia
  • 2 zucchine (14 fette)
  • olio EVO
  • sale

Tempi di preparazione: 10 minuti

Tempi di cottura: 10 minuti

Procedimento:

Ricetta Involtini di zucchine e speck
Lavare, spuntare le zucchine e tagliarle a fettine sottili con la mandolina stando molto attenti alle dita
Ricetta Involtini di zucchine e speck
Spennellare con l’olio EVO una griglia, scaldarla e cuocere le zucchine su entrambi i lati, salarle leggermente
Ricetta Involtini di zucchine e speck
Disporre su ogni fetta di zucchina una fetta di speck e una cucchiaiata di Philadelphia
Ricetta Involtini di zucchine e speck
Avvolgere la zucchina su se stessa e fermarla con uno stuzzicadente
Ricetta Involtini di zucchine e speck
Disporre gli involtini di zucchine sul piatto di portata e servire

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Barrette cioccolato bianco e mirtilli

Le barrette al cioccolato bianco e mirtilli sono uno snack ideale per la merenda, sano, goloso e nutriente adatto sia ai bambini che agli adulti. La ricetta è molto semplice e si prepara rapidamente, anche la cottura è molto veloce ed è meglio controllare il forno perché appena le barrette iniziano a scurirsi bruciarle è un attimo. Avevo visto questa ricetta circa un anno fa sul blog di Ilaria, mi era subito piaciuta un sacco e mi ero ripromessa che prima o poi l’avrei riprodotta. L’occasione si è presentata ed è proprio quella giusta, si tratta infatti del contest ideato da Ilaria per festeggiare il terzo compleanno del suo blog Ricettedacoinquiline  nel quale è richiesto di riprodurre, più o meno fedelmente una delle sue ricette, ed è con piacere che ho riprodotto “quasi” fedelmente la ricetta delle barrette al cioccolato bianco e mirtilli che vi propongo oggi. E allora tanti auguri ad Ilaria ed al suo blog per la sua terza candelina e … 100 di questi giorni!!! 😀

Ingredienti per 6-8 barrette:

  • 30 gr. mirtilli disidratati (io un misto di uvetta, mirtilli disidratati e bacche di Goji)
  • 20 gr. cioccolato bianco
  • 30 gr. farina integrale
  • 1 pizzico di sale
  • 20 gr. nocciole
  • 20 gr. semi girasole (o zucca decorticati, chia, sesamo … )
  • 60 gr. fiocchi d’avena
  • 2 cucchiai miele
  • 1 cucchiaio manto d’orzo (o sciroppo d’acero)

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di cottura: 15 minuti

Procedimento:

Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Accendere il forno a 180 gradi e rivestire di carta forno una teglia quadrata 20×20. In una ciotola unire farina, sale, frutta secca e cioccolato sminuzzati, unire infine la frutta disidratata
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Far tostare a fuoco medio per un paio di minuti i semi con i fiocchi d’avena
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Lasciarli intiepidire e poi unirli agli altri ingredienti nella ciotola
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Scaldare il miele ed il malto d’orzo in un pentolino
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Unirli poi al resto degli ingredienti
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Amalgamare bene mescolando con un cucchiaio di legno
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Rovesciare il composto nella teglia e livellarlo fino ad uno spessore uniforme di 1 cm
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
E’ possibile fare questa operazione anche fuori dalla teglia sovrapponendo un altro foglio di carta forno e livellando il composto con il mattarello.
Infornare a 180 gradi per circa 15 minuti, controllando sul finire la cottura per evitare che scurisca troppo
Infornare a 180 gradi per circa 15 minuti controllando sul finire la cottura per evitare che scurisca troppo, deve diventare di un bel colore ambrato
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Estrarre le barrette dalla teglia e tagliarle finchè sono ancora calde e morbide
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Lasciar raffreddare le barrette completamente e poi separarle
Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli
Ed ecco le vostre barrette pronte per la merenda

Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli Ricetta Barrette cioccolato bianco e mirtilli

Con questa ricetta partecipo al #2 contest di #Ricettedacoinquiline

contest-conqui

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Pizza a fiore

La pizza a fiore o pizza Rosa del Mediterraneo è una ricetta vista molto tempo fa e preparata da una signora con le mani d’oro che faceva delle torte meravigliose e le pubblicava su un gruppo facebook, la mitica Anna Sportelli. L’impasto della pizza a fiore è quello di una pizza normale, la particolarità è che la pasta viene stesa a cerchio e viene inciso un taglio al centro a doppia croce. La pizza viene poi farcita abbondantemente con ingredienti molto saporiti e poi viene chiusa prendendo le punte degli spicchi tagliati e portandoli verso il bordo in modo da formare un fiore, il risultato è una pizza con una forma nuova, molto scenografica e davvero molto gustosa. Per quanto riguarda il ripieno io ho usato quello “originale” cioè quello visto nella pizza alla quale mi sono ispirata, ma se volete potete cambiarlo mettendo ad esempio delle verdure spadellate e del formaggio oppure cambiando il mix di affettati e formaggio o a seconda dei vostri gusti.

Ingredienti per una teglia da 28 cm.

  • 500 gr. farina 0 o Manitoba
  • 5 gr. lievito di birra secco (o 1/2 cubetto fresco)
  • 280 gr. acqua tiepida (la quantità di acqua può variare di + o – 10 gr. a seconda dell’assorbimento della farina
  • 1 cucchiaio di sale (non colmo)

Per il ripieno:

  • 20 gr. burro
  • 20 gr. olio EVO
  • 200 gr. cipolla
  • 1/2 cucchiaio doppio concentrato di pomodoro
  • olive nere (io ho utilizzato olive Taggiasche)
  • 200 gr. provola bianca
  • 100 gr. prosciutto cotto
  • 120 gr. pomodorini
  • 1/2 cucchiaio capperi
  • sale

Tempo di preparazione: 1 ora (+ 2 ore di lievitazione)

Tempo di cottura: 30 minuti

Procedimento:

Ricetta pizza a fiore
Nella tazza della planetaria versare la farina ed il lievito. Se utilizzate il lievito fresco lo sbriciolate e lo fate sciogliere nell’acqua tiepida
Ricetta pizza a fiore
Aggiungere l’acqua ed iniziare ad amalgamare
Ricetta pizza a fiore
Aggiungere il sale e continuare ad amalgamare fino al completo assorbimento dell’acqua
Ricetta pizza a fiore
Estrarre l’impasto e lavorare velocemente per formare una palla e rimettere nella tazza della planetaria per la lievitazione
Ricetta pizza a fiore
Coprire con pellicola e mettere in forno spento con la luce accesa a lievitare per un paio d’ore
Ricetta pizza a fiore
Nel frattempo preparare il ripieno. Tagliare finemente la cipolla e farla appassire con il burro e l’olio
Ricetta pizza a fiore
Aggiungere i pomodorini tagliati a metà ed i capperi lavati dal sale
Ricetta pizza a fiore
Sciogliere in 2 dita d’acqua il doppio concentato di pomodoro ed aggiungerlo, salare e pepare
Ricetta pizza a fiore
Aggiungere una cucchiaiata di olive e spegnere il fuoco. Tagliare la provola a dadini

 

Ricetta pizza a fiore
Prendere l’impasto lievitato e stenderlo a cerchio
Ricetta pizza a fiore
Oliare la teglia e adagiare l’impasto, praticare al centro una doppia croce fino a 10 cm. dal bordo
Ricetta pizza a fiore
Disporre a corona i cubetti di provola ed il prosciutto cotto tagliato a dadini
Ricetta pizza a fiore
Aggiungere la cipolla con pomodorini capperi e olive
Ricetta pizza a fiore
Alzare le punte dal centro e portarle verso l’esterno fermandole con un’oliva. Spennellare con olio ed infornare a 200 gradi per 30 minuti
Ricetta pizza a fiore
Dopo la cottura
Ricetta pizza a fiore
Ed ecco pronta la vostra pizza a fiore

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Tagliatelle ai funghi

Le tagliatelle ai funghi sono un super classico della cucina italiana, un primo piatto che in genere piace a tutti ed a casa mia è molto gradito ed apprezzato, semplice e profumato accontenta sempre tutti. Per la preparazione delle tagliatelle ai funghi io ho utilizzato delle tagliatelle all’uovo già pronte, il piatto verrà molto più buono se preparerete le tagliatelle fresche con la ricetta della pasta all’uovo che trovate qui e con i funghi porcini al posto dei funghi Champignon. Ultimamente sono anche riuscita ad ovviare al “problema” del sugo che si asciugava troppo, le tagliatelle all’uovo infatti assorbono molto liquido e non mi andava l’idea di aggiungere panna, ho pensato allora di preparare un roux con brodo e farina e la cosa ha funzionato molto bene. Inoltre a me piacciono i sughi molto ricchi, per cui ho messo una quantità di funghi il doppio di quella della pasta ed è venuta una pasta ai funghi da leccarsi i baffi 🙂 Vi lascio la mia ricetta delle tagliatelle ai funghi facile e veloce e vi auguro buona giornata :-*

Ingredienti per 3-4 persone

  • 250 gr. di tagliatelle all’uovo
  • 500 gr. funghi Champignon
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • 30 gr. olio EVO
  • 25 gr. burro
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 bicchiere di brodo
  • 1/2 cucchiaio di farina
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • sale, pepe

Tempi di preparazione: 20 minuti

Tempi di cottura: 30 minuti

Procedimento:

Ricetta Tagliatelle ai funghi
Tagliare il pezzo della radice con la terra, lavare velocemente i funghi, asciugarli e tagliarli a fettine per il lungo. Tritare finemente lo scalogno e tenere da parte. Separatamente tagliare finemente anche il prezzemolo
Ricetta Tagliatelle ai funghi
Mettere a bollire l’acqua per la pasta.In un’ampia padella versare l’olio, il burro e l’aglio
Ricetta Tagliatelle ai funghi
Far imbiondire l’aglio e poi sollevarlo
Ricetta Tagliatelle ai funghi
Aggiungere lo scalogno e lasciar cuocere per qualche minuto, poi aggiungere i funghi, sale e pepe
Ricetta Tagliatelle ai funghi
Cuocere i funghi per 5-7 minuti e poi sfumare con il vino
Ricetta Tagliatelle ai funghi
Aggiungere il roux ottenuto mescolando il brodo con la farina cuocere ancora un paio di minuti e spegnere il fuoco
Ricetta Tagliatelle ai funghi
Scolare la pasta al dente sopra i funghi ed aggiungere anche il prezzemolo, mescolare e lasciar amalgamare un paio di minuti e terminare la cottura
Ricetta Tagliatelle ai funghi
Servire le tagliatelle ai funghi con un’abbondante spolverata di formaggio grattugiato

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Marmellata di mandarini e spezie

Da tempo volevo preparare la Marmellata di Mandarini e Spezie di Luca Montersino, avevo letto parti di questa ricetta nella preparazione di alcuni dolci sui libri di Montersino e mi aveva molto incuriosita, anche perché facendo parte del suo fan club su facebook ne avevo sentito parlare molto bene, ma non avevo mai avuto il coraggio di affrontarla. Caso ha voluto che mi mettessi a prepararla proprio il giorno di Capodanno, eh si, perché se la gente normale a capodanno pensa ai cenoni o a prepararsi per uscire per andare a festeggiare o fa i buoni propositi per il nuovo anno, io invece penso a preparare la marmellata … eh che ci vuoi fa!! 😀 E allora ho iniziato il 31, poi l’ho lasciata riposare 12 ore come da ricetta e l’ho finita il primo gennaio, la mattina, mentre a casa mia ancora tutti dormivano, io mi sono alzata e mi sono messa a cuocere, perché chi fa marmellata a Capodanno fa marmellata tutto l’anno 😀 La ricetta di questa buonissima marmellata l’ho trovata appunto nei file del gruppo Montersino fan club, non avendo trovato tutte le spezie ho fatto delle piccole modifiche ed ho anche diminuito la dose di zucchero che mi pareva eccessiva, io non ho resistito, ovviamente ho dovuto assaggiarla subito, ma se posso darvi un consiglio lasciatela riposare almeno 15 giorni perché così sarà ancora più buona, il gusto amarognolo della buccia lascerà il posto ad un gusto di candito davvero delizioso, buona giornata ed un buonissimo inizio di settimana a tutti voi! :-*
Ingredienti:
  • 1 kg. mandarini freschi
  • 1,6 kg. succo di mandarino (servono circa 3 kg. di mandarini freschi)
  • 1,2 kg. zucchero semolato (io ho utilizzato 1 kg.)
  • sale
  • 300 gr. zucchero semolato
  • 15 gr. pectina (io frutta pec)
  • 40 gr. succo di limone (1 limone)
  • 5 gr. cannella in stecche
  • 3 gr. anice stellato (io 1 fiore di cardamomo nero)
  • 2 gr. vaniglia bourbon
  • 2 gr. coriandolo (io ho utilizzato i semi)

Tempo di preparazione: 1 ora e 30 minuti circa

Tempo di cottura: 1 ora e 30 minuti circa

Procedimento:

Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Lavare i mandarini e bucherellarli con uno stuzzicadente, metterli a bollire interi in acqua leggermente salata per 15-30 minuti
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Mettere le spezie in una garza
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Spremere i mandarini per ottenere la quantità di succo richiesta
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Scolare i mandarini e tagliarli a pezzettini con tutta la buccia
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Mescolare in 300 gr. di zucchero semolato la pectina
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Trasferire i mandarini tagliati in una pentola ed aggiungere lo zucchero semolato, il succo dei mandarini ed i 300 gr. di zucchero mescolati alla pectina
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Accendere il gas e portare ad ebollizione
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
A questo punto aggiungere la garza con le spezie, poi coprire con pellicola a contatto e lasciar maturare per 12 ore a temperatura ambiente
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Trascorso il tempo di maturazione rimettere sul fuoco e cuocere fino a circa 55° Brix (se avete un refrattometro) o alla temperatura di 103-104°. In ogni caso la marmellata è pronta quando mettendo una goccia sul piattino e piegandolo la goccia non sbava
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Unire il succo di limone invasare bollente, chiudere il tappo e capovolgere. Io ho bollito per 20 minuti tutti i vetri ed i tappi, mettendo i tappi nuovi nei vasetti Bormioli
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Marmellata di mandarini e spezie
Ricetta Marmellata di mandarini e spezie
Marmellata di mandarini e spezie

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Riso Venere con zucchine e gamberetti

Al posto del classico riso Carnaroli per preparare il risotto questa volta ho voluto utilizzare il riso Venere. Il riso Venere, caratterizzato dal classico colore nero, aromatico, ricco di fibre e Sali minerali, è un riso salutare e raffinato. Il Riso Venere con zucchine e gamberetti è un gustoso e saporito primo piatto che racchiude in se energia, vitamine e gusto. Adoro l’odore del riso venere, quando lo cucino in casa si diffonde un profumo indefinito che va dalla vaniglia al pane fresco appena sfornato e trovo che la sua consistenza sia particolarmente gradevole. Contrariamente a quello che si può immaginare la preparazione di questo piatto è molto semplice, la cottura del riso avviene separatamente in acqua fredda ed il condimento non ha bisogno di una lunga cottura, l’unica cosa che può “spaventare” è la pulitura delle mazzancolle ma questo ve lo spiegherò io in maniera molto semplice e dettagliata per cui siete in una botte di ferro, non avete più scuse 😀

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. riso venere
  • 400 gr. mazzancolle
  • 300 gr. zucchine
  • 150 gr. pomodorini
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale e pepe

Tempo di preparazione: 1 ora

Tempo di cottura: 1 ora

Procedimento:

Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Con l’aiuto di uno stuzzicadenti togliere anche l’intestino
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Tenerne da parte alcune per la decorazione. Sciacquarle sotto l’acqua corrente ed asciugarle tamponandole con della carta da cucina
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Mettere a cuocere il riso venere in abbondante acqua fredda salata. Il riso deve cuocere 45 minuti
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Lavare, spuntare e tagliare le zucchine, lavare e tagliare i pomodorini e tritare finemente il prezzemolo
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
In un’ampia padella far imbiondire uno spicchio d’aglio con l’olio
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Sollevare l’aglio ed aggiungere le zucchine, rigirare un paio di minuti nell’olio ed aggiungere anche i pomodorini
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Aggiungere sale, pepe e cuocere per 10 minuti
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Aggiungere ora tutti i gamberetti, mescolare e lasciare insaporire per un paio di minuti
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Sfumare con il vino bianco e cuocere ancora un paio di minuti
Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Aggiungere anche il prezzemolo, mescolare e spegnere la fiamma

Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti

Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Quando il riso è cotto, scolarlo e farlo saltare con il condimento

 

Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti

Ricetta riso venere con zucchine e gamberetti
Servire il riso venere ben caldo

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Lenticchie in umido

La cena tradizionale di capodanno a casa mia prevede cotechino e lenticchie, perché si dice che le lenticchie portino soldi e fortuna allora io ne mangio a volontà anche se fino a oggi non è successo niente comunque tentar non nuoce, della serie non è vero ma ci credo 😀 . A parte gli scherzi le lenticchie sono un contorno molto sano e nutriente, fonte di ricchezza ed energia per l’organismo, sono infatti ricche di ferro e proteine, un tempo venivano considerate la carne dei poveri. Le lenticchie sono inoltre molto comuni nella dieta vegetariana e vegana, oltre che come contorno anche come secondo in polpette ed hamburger o come primo piatto in paste e minestre.

Ingredienti:

  • 250 gr. lenticchie
  • 2 giri di olio EVO
  • 1 gambo di sedano
  • 100 gr. cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai doppio concentrato di pomodoro
  • sale

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Procedimento:

Ricetta Lenticchie in umido
Risciacquare le lenticchie in acqua fredda e lasciarle a bagno per un paio d’ore
Ricetta Lenticchie in umido
Scolarle e metterle a cuocere in acqua fredda salata
Ricetta Lenticchie in umido
Cuocere le lenticchie per una ventina di minuti portandole quasi a cottura
Ricetta Lenticchie in umido
Nel frattempo tritare aglio e cipolla e rosolarli nell’olio per qualche minuto
Ricetta Lenticchie in umido
Aggiungere il sedano tagliato finemente e lasciar insaporire un paio di minuti
Ricetta Lenticchie in umido
Aggiungere il concentrato di pomodoro sciolto in un bicchiere di acqua
Ricetta Lenticchie in umido
Scolare le lenticchie, rovesciarle nella pentola,  ed aggiungere 3 foglie di alloro e portare a cottura

Ricetta Lenticchie in umido

Ricetta Lenticchie in umido
Servire le lenticchie con del cotechino o zampone

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Torta Moka

La Torta Moka è un classico che mi ha sempre ispirato molto e che se siete amanti delle torte al caffè non potete assolutamente perdervi, ma nella mia testa pensavo fosse un classico con una ricetta predefinita, ma cercando su internet non ho trovata una uguale all’altra. A questo punto penso si possa affermare che la torta moka si può preparare come più ci piace, con il pan di spagna classico ed una crema pasticcera al caffè o con un pan di spagna al cacao con la crema al burro al caffè o in altri mille modi. Per questa Torta Moka mi sono liberamente ispirata alla torta Moka di Joyce, che ha partecipato e vinto l’ultima edizione di Bake Off Italia. In quanto super appassionata di dolci non ho potuto fare a meno di guardare ogni puntata di Bake Off Italia ed in una puntata in particolare veniva richiesta la preparazione proprio della Torta Moka, questa cosa mi è rimasta in mente e mi sono ripromessa di farla. L’occasione è stata una cena a casa di un collega e la torta ha riscosso un buon successo, non si tratta certo di una torta leggera, ma in questi casi basta mangiarne una sola fetta e lasciare che gli altri commensali la finiscano 🙂 come mi sento perfida 😀

Ingredienti per uno stampo da 24 cm.

Per il pan di spagna al cacao e mandorle:

  • 6 uova
  • 100 gr. farina 00
  • 100 gr. farina di mandorle
  • 40 gr. fecola di patate
  • 40 gr. cacao
  • 10 gr. lievito
  • 240 gr. zucchero
  • 1 bacca di vaniglia o un cucchiaino di estratto

Per la bagna:

  • 100 ml. latte
  • 1 tazzina di caffè
  • 1 cucchiaio di zucchero

Per la meringa italiana:

  • 40 gr. acqua
  • 100 gr. zucchero semolato
  • 70 gr. albumi
  • 25 gr. zucchero semolato

Per la crema al burro al caffè:

  • 70 gr. tuorli
  • 240 gr. zucchero semolato
  • 100 gr. acqua
  • 360 gr. burro morbido
  • 230 gr. meringa italiana
  • 1 tazzina di caffè espresso
  • 1 cucchiaino caffè solubile

Servono inoltre:

  • 100 gr. cioccolato fondente

Tempo di preparazione: 2 ore circa

Tempi di cottura: 1 ora circa

Procedimento:

Preparare il PAN DI SPAGNA AL CACAO E MANDORLE con la ricetta e procedimento che trovate qui

Ricetta pan di spagna al cacao e mandorle
PER LA MERINGA ITALIANA:
Ricetta Torta Moka
Mettere l’acqua e lo zucchero in un pentolino e portare a 118°C
Ricetta Torta Moka
Quando lo sciroppo arriva a 115 gradi montare gli albumi con 25 gr. di zucchero
Ricetta Torta Moka
Versare lo sciroppo cotto sugli albumi
Ricetta Torta Moka
Continuare a montare fino a quando il composto non diventa brillante e compatto

PER LA CREMA AL BURRO:

Ricetta Torta Moka
Mettere l’acqua e lo zucchero in un pentolino e portare a 118°C
Ricetta Torta Moka
Quando lo sciroppo raggiunge i 115 gradi montare i tuorli, poi versare lo sciroppo cotto sui tuorli montati continuando fino ad ottenere un composto molto chiaro e spumoso
Ricetta Torta Moka
Sempre montando aggiungere, il burro morbido un pezzetto alla volta fino ad ottenere una crema liscia
Ricetta Torta Moka
Aggiungere ora la meringa italiana continuando a montare ma a bassa velocità
Ed infine il caffè espresso e solubile
Infine aggiungere il caffè espresso e quello solubile
Ricetta Torta Moka
Prelevare una parte di crema e metterla in una sac a poche con bocchetta stellata
Ricetta Torta Moka
Preparare la bagna mescolando tutti gli ingredienti e tagliare il pan di spagna in 3 dischi
Ricetta Torta Moka
Bagnare il primo disco e stendere uno stato di crema
Ricetta Torta Moka
Sovrapporre il secondo disco e fare lo stesso
Ricetta Torta Moka
Terminare con il terzo disco e bagnarlo con la bagna
Ricetta Torta Moka
Coprire la torta con la crema al burro livellandola bene e mettere in frigo a stabilizzare per un’oretta
Ricetta Torta Moka
Decorare con cioccolato fondente ridotto a scaglie e con la crema al burro messa precedentemente da parte

Ricetta Torta Moka Ricetta Torta Moka Ricetta Torta Moka Ricetta Torta Moka

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016-2017 – All rights reserved

Saltimbocca alla Romana

Oggi cuciniamo i Saltimbocca alla Romana un secondo piatto molto gustoso, leggero e veloce da preparare. I Saltimbocca alla Romana sono un piatto tipico della cucina laziale ed in particolare, come si può facilmente evincere dal nome, della cucina romana e sono così buoni che dal piatto saltano direttamente in bocca 😀 . La preparazione è molto veloce e richiede davvero pochissimi ingredienti, delle fettine di vitello, che vanno battute e rese sottilissime, una fetta di prosciutto crudo ed una fogliolina di salvia, anche la cottura deve essere velocissima, per evitare che la carne si indurisca ed il prosciutto da crudo diventi cotto, un secondo piatto che costituisce uno dei vanti della cucina italiana.

Ingredienti per 2 persone:

  • 4 fettine di vitello da 70-80 gr. l’una
  • 4 fette di prosciutto crudo
  • 4 foglie di salvia
  • 20 gr. burro
  • meno di 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • sale, pepe

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

Procedimento:

Ricetta Saltimbocca alla Romana
Mettere le fettine sopra un tagliere ed appiattirle con un batticarne
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Posizionare su ogni bistecca una fettina di prosciutto crudo, una foglia di salvia e fermarle con uno stuzzicadenti
Ricetta Saltimbocca alla Romana
In un’ampia padella sciogliere il burro ed adagiare i saltimbocca
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Cuocere qualche minuto fino a quando non cambiano colore poi girarli per cuocerli velocemente anche sotto, aggiungere sale e pepe
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Rigirare i saltimbocca, sfumare con il vino, lasciar evaporare ed asciugare leggermente
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Servire i Saltimbocca alla Romana ben caldi con il loro sughetto

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016-2017 – All rights reserved

Fiori di wurstel e pasta sfoglia

Oggi vi lascio un’idea carina da preparare come stuzzichino per l’aperitivo, come antipasto o come piatto salato per la festa dei bambini, i Fiori di Wurstel e Pasta Sfoglia, molto carini e golosi, possono essere mangiati anche prendendo un “petalo” alla volta, un’idea che arriva dal web e che ho preso al volo visto che adoro la pasta sfoglia in tutte le sue declinazioni sia dolci che salate e visto che la preparazione di questi fiori di wurstel è davvero molto veloce. Per la preparazione di questo delizioso finger food bastano 2 ingredienti, un rotolo di pasta sfoglia e dei wurstel e seguire la sequenza che ho fotografato, se vi va di divertirvi un po’ provateci 🙂

Ingredienti per 4 fiori:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 4 wurstel
  • 1 goccio di latte per spennellare

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Procedimento:

Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia
Srotolare la pasta sfoglia e tagliarla in quattro parti uguali
Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia
Arrotolare attorno la wurstel una porzione di pasta sfoglia
Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia
Tagliare il rotolino senza arrivare sul fondo in 7 pezzi uguali
Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia
Prendere una estremità e girarla con il wurstel rivolto verso l’alto
Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia
Fare la stessa operazione anche con tutti gli altri pezzetti posizionandoli attorno al primo
Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia
Fino a formare un fiore
Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia
Posizionare i 4 fiori di wurstel sulla placca del forno e spennellarli con il latte

Ricetta fiori di wurstel con pasta sfoglia

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Orecchiette con le cime di rapa

Le orecchiette con le cime di rapa sono un primo piatto tipico della cucina pugliese, un piatto povero, leggero, sano e gustoso, l’ideale per ritornare nei ranghi e ritrovare la forma dopo tutto quello che ci siamo scofanati durante queste feste natalizie, allora cosa c’è di meglio di un bel piatto di pasta con le verdure? Amici, le feste ormai sono finite, spero che vi siate riposati, divertiti e che abbiate visto i vecchi amici, per me è stato un po’ un tour de force per riuscire a fare tutto quello che avevo lasciato indietro nei mesi precedenti, ma alla fine sono riuscita anche a fare un po’ di queste cose, ed ho preparato qualche ricettina che però non sono riuscita a pubblicare … quindi credo, tutto sommato, di potermi ritenere soddisfatta. Con oggi si torna alla normalità, al lavoro, alla solita routine che a volte è anche un sollievo, si guarda avanti, e si inizia a pensare alle ricette di Carnevale :)) Per oggi vi saluto e vi auguro buona giornata e buona settimana e spero che il vostro rientro non sia troppo traumatico 🙂

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. di orecchiette
  • 300 gr. di cime di rapa già curate (o 500 gr. se da curare)
  • 2 filetti di acciughe
  • 1 spicchio di aglio
  • 100 gr. pomodorini
  • sale
  • Pecorino Romano/Parmigiano

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Procedimento:

Ricetta orecchiette con cime di rapa
Curare le cime di rapa tagliando i gambi duri e tenendo solo la parte tenera, lavare i pomodorini. In un’ampia padella preparare olio, aglio, acciughe e peperoncino
Ricetta orecchiette con cime di rapa
Mettere a bollire l’acqua della pasta, salarla ed aggiungervi le cime di rapa
Ricetta orecchiette con cime di rapa
Quando l’acqua bolle sollevare le cime di rapa, scolarle e mettere a cuocere la pasta
Ricetta orecchiette con cime di rapa
Accendere il gas e far sciogliere le acciughe. Sollevare l’aglio quando sarà leggermente dorato
Ricetta orecchiette con cime di rapa
Tagliare grossolanamente le cime di rapa ed i pomodorini a dadini
Ricetta orecchiette con cime di rapa
Aggiungere al soffritto i pomodorini e le cime di rapa e ripassare per qualche minuto
Ricetta orecchiette con cime di rapa
Scolare la pasta al dente dentro nel sugo e terminare la cottura
Ricetta orecchiette con cime di rapa
Aggiungere Parmigiano grattugiato o Pecorino Romano e servire ben calda

Ricetta orecchiette con cime di rapa

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016-2017 – All rights reserved

2016/2017 TAG

Anno nuovo, nuovo TAG ed eccoci qua! 🙂

Ciao amici oggi niente ricette ma rispondo alle domande di un TAG molto carino per conoscerci meglio in cui sono stata citata, il nome è 2016/2017 TAG ed è stato ideato da https://theguywhosaidalwaysno.com/ che ha pensato anche a me e io ne sono lusingata 🙂

Ed ecco le REGOLE:

  • Citare l’ideatore del TAG
  • Utilizzare l’immagine che trovate in questo articolo.
  • Citare il blogger che vi ha scelto.
  • Ovviamente rispondere alle domande.
  • Citare 9 blogger/amici e farglielo sapere in un commento sul loro blog.

 

DOMANDE e le mie risposte

  • Descrivi in 3 parole il tuo 2016.

FATICOSO, FRENETICO, IMPEGNATIVO

  • Scrivi il nome di 2 persone che hanno caratterizzato il tuo 2016

LUCA, LA FATICA, L’IMPEGNO E LE PREOCCUPAZIONI CON UN FIGLIO ADOLESCENTE

GIULIANA, LA MIA NUOVA COLLEGA DI LAVORO, UNA SCOPERTA POSITIVA DAVVERO INASPETTATA E GRADITA ❤

  • Scrivi il posto più bello che hai visitato nel 2016 e perché ti è piaciuto così tanto

LAGOA DES SETE CITADES – ISOLE AZZORRE, UN POSTO DAVVERO INCANTEVOLE, DA TOGLIERE IL FIATO, UNA VERA FORZA DELLA NATURA

  • Scrivi il cibo più buono che hai assaggiato nel 2016.

PIU’ CHE UN CIBO UNA CENA MESSICANA A CASA DI UN COLLEGA DI LAVORO LA CUI MOGLIE E’ MESSICANA. IL MENU’: GUACAMOLE, TORTILLAS, TINGA DI POLLO, QUESADILLAS CON PATATE E FORMAGGIO E CON CARNE, SALSA DI FAGIOLI NERI E TANTO ALTRO, TUTTO DELIZIOSO!

  • Scrivi l’avvenimento che ti ha segnato di più di questo 2016 ( anche evento mondiale).

LE TERRIBILI MORTI DI GIULIO REGENI IN EGITTO E DI ELISA NELL’INCIDENTE DELLE STUDENTESSE ERASMUS IN SPAGNA, DUE FRIULANI ALL’ESTERO

  • Scrivi l’acquisto più bello che hai fatto in questo 2016 e se vuoi allega una foto

LA MIA NUOVA MACCHINA FOTOGRAFICA CANON

  • Scrivi 3 buoni propositi per il 2017.

OCCUPARMI DI PIU’ DEL MIO BLOG, FARE TANTI DOLCI, DEDICARE PIU’ TEMPO ALLO SPORT

  • Scrivi 1 posto che vorresti visitare nel 2017.

IL FRIULI E’ UNA TERRA MERAVIGLIOSA, MI BASTEREBBE RIUSCIRE A GODERMELA UN PO’ DI PIU’

  • Scrivi un piatto che vorresti assolutamente assaggiare nel 2017.

NON UNO MA TANTI PIATTI NUOVI, HO TANTE IDEE CHE SPERO DI RIUSCIRE A REALIZZARE

Ed ora a voi amici, sbizzarritevi e BUON 2017 A TUTTI VOI!!!

Moira ❤

Minestra di farro e cavoli

E dopo i bagordi delle feste vi propongo un bel primo piatto depurativo la Minestra di Farro e Cavoli buona, invitante, colorata e sorprendente, una bella ricetta VEGAN per iniziare l’anno con un occhio di riguardo alla dieta ed alla salute senza trascurare il gusto e l’occhio, che, come si sa, vuole sempre la sua parte. Per preparare questa minestra ho utilizzato il cavolfiore arancione che da un bellissimo effetto cromatico, ma se non lo trovate potete tranquillamente utilizzare il cavolo viola o il cavolfiore classico, il gusto non cambia. Questa è una minestra “intercambiabile” se come mio marito trovate che il cavolo cappuccio dia un sapore troppo dolciastro potete sostituirlo con il cavolo romano (aggiungendolo al cavolfiore quando l’acqua bolle), che ha un gusto molto delicato e fa un po’ pandant con il cavolfiore, inoltre insieme al cavolo viola è molto bello anche da vedere, io ho preparato entrambe le versioni e devo dire che mi è piaciuta quasi di più quella con i 2 cavolfiori messi insieme. Al posto del classico brodo vegetale potete utilizzare l’acidulato di Umeboshi, si tratta di prodotto di origine giapponese salato ottenuto dalla stagionatura delle prugne Umeboshi. L’idea di questa zuppa parte da una ricetta realizzata al corso di cucina Vegan che avevo frequentato la primavera scorsa, poi, si sa, ci devo mettere la mia manina ed alla fine ho cambiato completamente la ricetta.

Ingredienti:

  • 150 gr. farro
  • 3 cucchiai olio EVO
  • 1 cucchiaino semi di girasole
  • 120 gr. cipolla
  • 400 gr. cavolo cappuccio
  • 400 gr. cavolfiore
  • 1 lt. acqua
  • 1 misurino di brodo vegetale (o 1-2 cucchiai di acidulato di umeboshi)
  • sale, pepe

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Procedimento:

Mettere l'olio in una pentola e farlo scaldare aggiungere i semi di girasole, da quando iniziano a sfrigolare calcolare 1 minuto
Mettere l’olio in una pentola e farlo scaldare aggiungere i semi di girasole, da quando iniziano a sfrigolare calcolare 1 minuto
Aggiungere la cipolla tagliata finemente e mescolare
Aggiungere la cipolla tagliata finemente e mescolare
Aggiungere il cavolo cappuccio tagliato al coltello mescolare e lasciar insaporire per un paio di minuti
Aggiungere il cavolo cappuccio tagliato al coltello mescolare e lasciar insaporire per un paio di minuti
Aggiungere l'acqua, un misurino di brodo vegetale o l'acidulato di umebosci e portare a bollore
Aggiungere l’acqua, un misurino di brodo vegetale o l’acidulato di umebosci e portare a bollore
Lavare il cavolfiore e tagliare tutte le cimette
Lavare il cavolfiore e tagliare tutte le cimette
Aggiungere il cavolfiore ed il farro e cuocere per una ventina di minuti fino a quando il farro non sarà cotto
Aggiungere il cavolfiore ed il farro e cuocere per una ventina di minuti fino a quando il farro non sarà cotto
 Servire la minestra di farro e cavoli bollente
Servire la minestra di farro e cavoli bollente

 

img_9362aa

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Tronchetto tiramisu

Buongiorno amici, oggi pubblico il Tronchetto tiramisù che è il dolce per il pranzo di Natale che ho preparato quest’anno, si lo so che sono un pochino in ritardo, ma siamo ancora in clima natalizio e le vacanze finiscono dopo la Befana, ve lo posto giusto in tempo per il cenone di capodanno per cui se volete cimentarvi ecco qua la ricetta. Il Tronchetto tiramisù è un dolce facile da preparare, la farcitura è una crema al mascarpone, la classica crema del Tiramisù ma fatta in modo che rimanga un pochino più sostenuta e consistente con un procedimento ancora più veloce. Il Tronchetto tiramisù viene poi ricoperto con una ganache al cioccolato bianco che secondo me ci sta benissimo. Per preparare il tronchetto questa volta al posto di fare il classico rotolo ho voluto provare a tagliare la pasta biscotto a strisce e sovrapporle intervallando con la crema. L’idea mi è venuta un sabato mattina al panificio, parlando di dolci di Natale con le commesse, io che parlo di dolci poi non si era mai sentito 🙂 insomma una delle commesse  mi ha suggerito di preparare il tronchetto “quadrato” ed io ho preso il consiglio al volo 🙂 Nella mia idea iniziale doveva avere proprio il perimetro quadrato, poi preparandolo ho ceduto alla tradizione 🙂

Ingredienti:

per il biscotto:

  • 4 uova
  • 100 gr. zucchero
  • 80 gr. farina
  • 8 gr. miele

per la crema:

  • 200 gr. mascarpone
  • 200 gr. panna montata
  • 2 uova
  • 50 gr. zucchero a velo

per la ganache al cioccolato bianco:

  • 300 gr. cioccolato bianco
  • 200 gr. panna

servono anche:

  • 100 ml. di caffè
  • cacao amaro
  • decori a piacere

Tempo di preparazione: 60 minuti

Tempo di cottura: 15 minuti

Procedimento:

Per il biscotto:

Ricetta Tronchetto tiramisu
Dividere i tuorli dagli albumi, mettere il miele e 3/4 dello zucchero nei tuorli ed 1/4 negli albumi
Ricetta Tronchetto tiramisu
Montare gli albumi a neve ed i tuorli per 5-10 minuti fino a quando non saranno gonfi e spumosi
Ricetta Tronchetto tiramisu
Incorporare gli albumi nei tuorli mettendo prima una piccola parte e mescolare e poi gli albumi rimanenti
Ricetta Tronchetto tiramisu
Setacciare la farina sopra le uova ed incorporare delicatamente con una spatola mescolando dal basso verso l’alto
Ricetta Tronchetto tiramisu
Stendere il composto in modo omogeneo sulla teglia del forno sopra un foglio di carta forno
Ricetta Tronchetto tiramisu
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 10 minuti, poi estrarre e lasciar raffreddare. Preparare il caffè con la moka

Per la crema:

Ricetta Tronchetto tiramisu
Montare la panna e gli albumi delle 2 uova e riporre in frigo. In un’altra terrina montare con le fruste i tuorli con lo zucchero a velo ed il mascarpone
Ricetta Tronchetto tiramisu
Unire gli albumi ai tuorli con il mascarpone
Ricetta Tronchetto tiramisu
Ed infine unire la panna montata in due volte
Ricetta Tronchetto tiramisu
Amalgamare fino ad ottenere un composto omogeneo
Ricetta Tronchetto tiramisu
Tagliare la pasta biscotto in 4 strisce
Ricetta Tronchetto tiramisu
Mettere la prima striscia sul piatto di portata e bagnare con il caffè amaro
Ricetta Tronchetto tiramisu
Stendere uno strato di crema e sovrapporre un’altra striscia di pasta biscotto
Ricetta Tronchetto tiramisu
Ripetere l’operazione fino alla fine degli strati bagnando anche l’ultimo strato con il caffè

Per la ganache al cioccolato bianco:

Ricetta Tronchetto tiramisu
Spezzettare il cioccolato bianco, portare la panna quasi a bollore, spegnere il gas, aggiungere il cioccolato bianco e mescolare velocemente con una frusta per scioglierlo. Riporre la ganache al cioccolato bianco in frigorifero per 30-40
Ricetta Tronchetto tiramisu
Tagliare le 2 estremità del dolce in diagonale (o solo una se preferite) e posizionatele sui lati a mo’ di tronco
Ricetta Tronchetto tiramisu
Quando la ganache al cioccolato bianco si sarà parzialmente addensata mixarla con le fruste fino a quando non assume un aspetto denso
Ricetta Tronchetto tiramisu
Cospargere il tronchetto con la ganache al cioccolato bianco e con il dorso del cucchiaio o con i rebbi della forchetta praticare le tipiche righe
Ricetta Tronchetto Tiramisu
Spolverare con cacao amaro e decorare a piacere

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Tartine facili e veloci

Ciao ragazzi … le feste non sono finite, abbiamo ancora il cenone di capodanno, allora eccovi qui un’idea facile e veloce per preparare dei golosi e simpatici tramezzini, anzi, a dire la verità le idee sono 2, tartine al tonno e tramezzini alla mortadella e peperoni. Bastano pochi minuti e pochissimi ingredienti per preparare dei divertenti tramezzini serve solo del pane da tramezzini, un po’ di Philadelphia ed un po’ di fantasia per ottenere un gustoso antipasto da presentare ai nostri ospiti per il cenone di capodanno o per un aperitivo tra amici o per una festa di compleanno.

Ingredienti:

  • 160 gr. philadelphia
  • 80 gr. tonno sott’olio
  • 70 gr. mortadella
  • 30 gr. peperoni grigliati sott’olio

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: /

Procedimento:

 

Ricette tartine facili e veloci
Mescolare la mortadella con peperoni e Philadelphia

Ricette tartine facili e veloci

 

Ricette tartine facili e veloci
Schiacciare le formine sul pane da tramezzini per ricavare le forme
Ricette tartine facili e veloci
Spalmare i due composti sulle formine e decorare a piacere

Ricette tartine facili e veloci

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Biscotti di vetro

Un paio di domeniche fa ho preparato questi biscottini di vetro che fanno molto Natale e siccome tra i vari preparativi per il pranzo di Natale non sono riuscita a pubblicarli prima lo faccio ora che siamo ancora immersi nel clima natalizio. I BISCOTTI DI VETRO o biscotti specchio, per chi non li conoscesse, sono dei normali biscotti di pasta frolla che vengono bucati all’interno e riempiti con dei frammenti di caramella dura, in cottura la caramella si scioglie espandendosi e raffreddandosi mantiene un aspetto opaco semitrasparente come alcuni vetri colorati. La trasparenza dipende ovviamente dalle caramelle che userete, praticando un forellino in alto inoltre potranno diventare dei biscotti da appendere sull’albero di Natale. I bambini si divertiranno un mondo a preparare questi simpatici biscotti con le formine e con le caramelle. Vi lascio alla ricetta e vi auguro buone feste

Ingredienti:

  • 300 gr. farina
  • 120 gr. zucchero
  • 120 gr. burro
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • buccia grattugiata di 1 limone
  • 270 gr. caramelle dure

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

Procedimento:

Ricetta biscotti di vetro
Versare la farina sulla spianatoia e praticare un buco al centro dove mettere lo zucchero, il burro freddo di frigo tagliato a cubetti, le uova e la buccia grattugiata del limone. Amalgamare gli ingredienti partendo dalle uova con il burro prelevando a mano a mano la farina dalle pareti
Ricetta biscotti di vetro
Impastare fino ad ottenere un panetto omogeneo
Ricetta biscotti di vetro
Schiacciare, avvolgere in pellicola trasparente e mettere in frigo per 30-60 minuti
Ricetta biscotti di vetro
Trascorso il tempo di riposo riprendere la frolla e stenderla con il mattarello non troppo fina. Con due formine uguali ma di diverse misure ricavare i biscotti estraendo la pasta frolla interna
Ricetta biscotti di vetro
Con il tappino di una penna praticare un forellino sulla sommità del biscotto, la pasta frolla interna può essere reimpastata o potete cuocerla ottenendo dei biscotti normali
Ricetta biscotti di vetro
Mettere i biscotti vuoti sulla teglia del forno ricoperta da carta forno e riempirli con i frammenti di caramella
Ricetta biscotti di vetro
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 10 minuti, i biscotti non si devono colorare ma devono rimanere chiari, quindi controllateli prima della fine della cottura, 1 o 2 minuti in più o in meno di cottura possono variare da forno a forno
Ricetta biscotti di vetro
Lasciar raffreddare i biscotti sulla carta forno pulendoli da eventuali fuoriuscite di caramella

Ricetta biscotti di vetro Ricetta biscotti di vetro

 

Ricetta biscotti di vetro

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Cannelloni ricotta e spinaci

I primi piatti sono il vanto della cucina italiana e tra questi i cannelloni sono una delle ricette più gradite ed apprezzate. I cannelloni con ricotta e spinaci rappresentano il tipico piatto della domenica o dei giorni di festa e allora se siete indecisi o siete ancora alla ricerca di un’idea per i primi piatti per il pranzo di Natale questa può essere una buona idea ed una valida alternativa alle classiche lasagne al forno al ragù, più leggeri, gustosi e molto più veloci da preparare, con un ripieno classico che in genere piace a tutti. Preparando la besciamella la sera prima guadagnerete un sacco di tempo, inoltre oggi vi svelo il mio trucchetto per riempire i cannelloni velocemente, io uso la sac a poche 🙂 sssst , allora godetevi questa ricettina e buoni preparativi di Natale a tutti voi, io sono ancora un po’ indietro con i regali, devo fare ancora un’uscita in veste di babbo Natale … Tanti auguri di un sereno Natale a tutti voi!! 🙂 Moira

Ingredienti:

  • 250 gr. cannelloni secchi
  • 300 gr. ricotta fresca
  • 70 gr. formaggio grattugiato
  • 20 gr. olio EVO
  • 20 gr. burro
  • 100 gr. cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 500 gr. spinaci freschi
  • 70 gr. pancetta dolce a cubetti
  • sale, pepe

Per la besciamella:

  • 700 ml. latte
  • 50 gr. farina
  • 50 gr. burro
  • sale
  • noce moscata

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 40 minuti

Procedimento:

Preparate la besciamella con le dosi indicate sopra e la ricetta che trovate qui

Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Lavare gli spinaci, sgocciolarli bene nello sgocciola verdura e tagliarli grossolanamente
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Tritare finemente aglio e cipolla e farli appassire in una pentola con olio e burro
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Aggiungere la pancetta a cubetti e farla rosolare leggermente
Aggiungere gli spinaci al soffritto e la pancetta e cuocere rigirando per 6-7 minuti
Aggiungere gli spinaci, sale e pepe e cuocere per 6-7 minuti rigirandoli
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Quando gli spinaci saranno appassiti spegnere la fiamma e lasciarli raffreddare
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Aggiungere la ricotta e metà del formaggio grattugiato e mescolare
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Versare il composto di ricotta e spinaci in una sac a poche senza bocchetta
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Allargare 4 cucchiai di besciamella tiepida sul fondo della teglia
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Riempire ogni cannellone con la farcia
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Disporre tutti i cannelloni su un tagliere

Ricetta cannelloni ricotta e spinaci

Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Trasferire i cannelloni nella teglia
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Coprire con la besciamella ed il restante formaggio grattugiato e mettere qua e la dei fiocchetti di burro
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Cuocere a 180 gradi per 30-35 minuti fino a doratura
Ricetta cannelloni ricotta e spinaci
Servire i cannelloni caldi

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Muffin al salmone

Ecco qui un antipasto di Natale realizzato con uno degli ingredienti più classici di questo periodo, dei morbidi muffin al salmone, che in realtà sono dei cupcake perché hanno anche un goloso fronting alla robiola che li rende ancora più morbidi. In genere con il salmone preparo dei semplici crostini con il pane tostato e del burro, ma questa volta ho voluto provare una nuova ricetta utilizzando il salmone in un impasto un po’ più elaborato. Ho visto questa ricetta nel blog ricettedacoinquiline grazie Ilaria 🙂 che mi ha ispirato parecchio e così ho deciso di provarla, il risultato è stato semplice e gustoso, ed un modo carino e sfizioso per portare in tavola il salmone. In realtà io ho fatto dei mini muffin, quasi dei bocconcini, utilizzando i pirottini piccoli, così ne vengono circa una ventina, se invece utilizzate i pirottini da muffin normali otterrete 12 muffin.

Ingredienti:

  • 200 gr. farina 00
  • 100 ml. latte
  • 3 uova
  • 80 ml. olio EVO (o ml. olio di mais)
  • 1 cucchiaino sale
  • 1 cucchiaino colmo di lievito istantaneo
  • 70 gr. salmone affumicato
  • 200 gr. robiola
  • erba cipollina
  • 1 cucchiaino di paprica affumicata

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

Procedimento:

Ricetta Muffin al salmone
In una ciotola sbattere le uova con il latte, l’olio, lo zucchero ed il lievito
Ricetta Muffin al salmone
Unire la farina ed il sale ed amalgamare
Ricetta Muffin al salmone
Tagliare a pezzetti il salmone ed unire al composto
Ricetta Muffin al salmone
Se come me utilizzate la teglia da muffin ma i pirottini più piccoli, potete arrotolare della carta stagnola e metterla alla base dell’incavo in modo tale che i pirottini non si deformino in cottura
Ricetta Muffin al salmone
Mettere nei muffin al salmone e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 10 minuti
Ricetta Muffin al salmone
In una ciotola amalgamare la robiola con l’erba cipollina e mettere il composto in una sac a poche
Ricetta Muffin al salmone
Lasciar raffreddare i muffin e decorarli con la crema di robiola
Ricetta Muffin al salmone
Spolverare i muffin con paprica affumicata

Ricetta Muffin al salmone

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Panettone

Il Panettone non ha bisogno di presentazioni, è il dolce principe del Natale e non può mancare sulle tavole delle famiglie italiane. Il panettone classico di Milano è un impasto lievitato che viene farcito con uvetta e canditi, il mio l’ho farcito con l’arancia candita fatta da me che potete trovare qui, anche se negli ultimi anni abbiamo visto un proliferarsi di nuove versioni farcite con gli ingredienti più disparati, dal cioccolato alla frutta fresca alla frutta secca che in effetti hanno un po’ snaturato la versione classica. Agli inizi del 1900 il panettone veniva prodotto solo all’interno delle più grandi pasticcerie di Milano, con la sua diffusione in tutta Italia la produzione su larga scala ha visto il nascere di numerose industrie per soddisfare tutte le richieste. Nonostante preparare il panettone in casa sembri un’impresa ardua, seguendo la ricetta passo passo e non è poi così complicato realizzarlo, bisogna munirsi di una planetaria, utilizzare una farina con un alto contenuto di glutine, di buona qualità e prendersi la giornata. Per realizzare in casa il mio panettone con il lievito di birra ho seguito la ricetta di Viva la Focaccia che potete trovare a questo link  seguendo attentamente tutti i passaggi, io sono rimasta soddisfatta del risultato.

Ingredienti:

Per la biga:

  • 60 gr. farina manitoba (W350)
  • 12 gr. lievito di birra o 4 gr. lievito secco
  • 30 gr. acqua

Per il primo impasto

  • 90 gr. biga
  • 260 gr. farina 00 (60% manitoba 40% farina 00)
  • 70 gr. burro
  • 70 gr. zucchero
  • 2 rossi d’uovo
  • 170 gr. acqua

Per il secondo impasto:

  • il primo impasto
  • 60 gr. farina (60% manitoba 40% farina 00)
  • 20 gr. burro fuso
  • 20 gr. zucchero
  • 10 gr. miele
  • 2 tuorli d’uovo
  • 3 gr. sale
  • 170 gr. uvetta
  • 170 gr. canditi (tra cedro e arancio)
  • aroma vaniglia
  • aroma arancia

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Procedimento:

BIGA:

Ricetta Panettone
Sciogliere il lievito in acqua tiepida
Ricetta Panettone
Aggiungere a poco a poco la farina ed impastare fino ad ottenere un panetto sodo

 

Ricetta Panettone
Mettere il panetto ottenuto in una terrina coprire con pellicola e mettere a lievitare in forno spento con la luce accesa per 4-8 ore fino al raddoppio

Ricetta Panettone

PRIMO IMPASTO:

Ricetta Panettone
Impastare la biga con l’acqua a temperatura ambiente
Ricetta Panettone
Aggiungere a poco a poco la farina
Ricetta Panettone
Quando la farina si sarà assorbita aggiungere uno alla volta i tuorli
Ricetta Panettone
Quando l’impasto si stacca dalle pareti aggiungere lo zucchero e far assorbire
Ricetta Panettone
Una volta amalgamato lo zucchero procedere aggiungendo poco alla volta il burro ammorbidito a pezzetti
Ricetta Panettone
Impastare fino a quando il composto non diventa elastico, a questo punto fare la prova del glutine
Ricetta Panettone
Prelevare un po’ di impasto ed allargarlo tra le dita in modo che diventi quasi trasparente, se non si rompe significa che è stato impastato abbastanza ed il glutine si è sprigionato
Ricetta Panettone
Imburrare una terrina e mettere l’impasto a lievitare per 4-8 ore sempre coperto con pellicola e nel forno spento ma con la luce accesa, almeno fino al raddoppio
Ricetta Panettone
Così è come si presentava il mio mostro!
Ricetta Panettone
Mettere l’impasto lievitato nella planetaria, aggiungere il miele e la farina e cominciare ad impastare, aggiungere il sale
Ricetta Panettone
Quando l’impasto si incorda aggiungere lo zucchero e farlo assorbire
Ricetta Panettone
Aggiungere ora i tuorli e poi gli aromi di vaniglia e arancia
Ricetta Panettone
Infine aggiungere il burro fuso ma non caldo. Quando l’impasto si stacca dai bordi rifare la prova del glutine, se ok abbassare la velocità ed aggiungere canditi (io ho utilizzato quelli fatti da me, trovate la ricetta sul blog) e uvetta
Ricetta Panettone
Far incorporare per 2-3 minuti fermando la macchina per tagliare l’impasto a metà e staccarlo dal gancio in modo che uvetta e canditi si incorporino meglio

 

Ricetta Panettone
Dopo il riposo ripetere la stessa operazione fatta in precedenza in modo tale che l’impasto prenda forza
Ricetta Panettone
Dividere l’impasto in 2 se avete degli stampi da 750 gr. oppure fatene 1 sono se avete lo stampo da 1 chilo
Ricetta Panettone
Sistemate gli impasti negli stampi di carta sopra un foglio di carta forno sopra la teglia del forno e rimettete in forno a lievitare nella parte alta, ponendo sotto la teglia un brico di acqua bollente che terrà umidità all’interno del forno. Lasciar lievitare per 4-6 ore, l’impasto dovrebbe raggiungere il bordo dello stampo o quasi

 

Ricetta Panettone
Nell’incavo del taglio mettere qualche fiocchetto di burro ed infornare in forno caldo a 180 gradi per 10 minuti e poi a 170 gradi per 50 minuti
Ricetta Panettone
Se anche il vostro forno tende a cuocere più sopra dopo i primi 10 minuti di cottura coprite i panettoni con della carta stagnola
Ricetta Panettone
Una volta cotto estraete il panettone infilzatelo nella parte bassa con dei ferri da maglia e mettetelo a raffreddare a testa in giù per almeno 12 ore, questo per evitare che con il peso il panettone collassi su se stesso
Ricetta Panettone
Ed ecco qua il vostro bellissimo panettone