Panini napoletani

Quando ho visto per la prima volta i Panini napoletani sono rimasta entusiasta nel vedere questi morbidi bocconcini ripieni, non ero molto pratica di lievitati salati e la cosa mi ha dato lo stimolo a prepararli subito, poi però, siccome mio marito non era rimasto particolarmente entusiasta del gusto degli affettati dentro nella pane cotto non li ho più preparati, lui è più familiare con i sapori austriaci, che sono tutta un’altra cosa. Li ho rifatti quest’anno come alternativa alle solite cose in occasione della Pasquetta. Devo dire che io li adoro, soprattutto quando sono ancora tiepidi ne mangerei uno dietro l’altro. I Panini napoletani sono uno dei più tipici Street food del capoluogo campano, una ricetta della tradizione preparata con ingredienti semplici, un impasto di pane arricchito con sale, pepe e strutto che nelle ricette moderne viene sostituito con l’olio, farcito con salumi e formaggi, arrotolato su se stesso e tagliato a pezzetti, al nord non abbiamo questa tradizione ma io adoro spaziare tra le ricette tipiche della nostra bella Italia.

Ingredienti:

  • 125 ml acqua
  • 125 ml. latte
  • 450 gr. farina 00
  • 40 gr. strutto
  • 15 gr. lievito di birra
  • sale, pepe
  • 100 gr. prosciutto cotto
  • 100 gr. salame
  • 100 gr. provola
  • 30 gr. parmigiano
  • 1 tuorlo sbattuto

Tempi di preparazione: 30 minuti (più 3 ore di lievitazione)

Tempi di cottura: 30 minuti

Procedimento:

Ricetta panini napoletani
Nella tazza della planetaria mettere la dose di acqua ed unire il latte tiepido, sbriciolare il lievito e mescolare con una spatolina
Ricetta panini napoletani
Unire una parte della farina e mescolare in modo da ottenere un impasto denso, aggiungere poi lo strutto ed amalgamare
Ricetta panini napoletani
Aggiungere ora il resto della farina, sala pepe ed impastare per 5 minuti con il gancio
Ricetta panini napoletani
Quando l’impasto si sarà ben incordato staccarlo dal gancio e formare una palla
Ricetta panini napoletani
Ungere la tazza della planetaria, rimettere dentro l’impasto, ungerlo con un po’ di olio, coprire con pellicola e mettere a lievitare in forno spento con la luce accesa per 2 ore
Ricetta panini napoletani
Dopo 2 ore l’impasto dovrebbe essere più che raddoppiato di volume, rovesciarlo sulla spianatoia e stenderlo in un rettangolo
Ricetta panini napoletani
Tagliare a cubetti i salumi ed il formaggio e farcire l’impasto, spolverare con il formaggio grattugiato mantenendo liberi i bordi
Ricetta panini napoletani
Arrotolarlo su se stesso dal lato lungo mantenendo la chiusura verso il basso
Ricetta panini napoletani
Tagliare il rotolo a metà e poi ancora a metà ed in 2 le 2 metà in modo da ottenere 8 panini
Ricetta panini napoletani
Disporre i panini sulla teglia del forno sopra un foglio di carta forno e mettere a lievitare per 1 ora
Ricetta panini napoletani
Spennellare con l’uovo sbattuto, cuocere in forno caldo a 180 gradi per 30 minuti
Ricetta panini napoletani
Sfornare i panini e lasciarli intiepidire per qualche minuto
Ricetta panini napoletani
Gustare i panini caldi, tiepidi o anche freddi
Ricetta panini napoletani
I panini si manterranno tiepidi all’interno a lungo

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Canederli

I Canederli o Knödel in tedesco, sono un piatto di origine contadina tipico trentino che mi piace fare ogni tanto, si tratta di una specie di grosso gnocco preparato con il pane raffermo mescolato con cipolla, speck ed erba cipollina e tenuto vicino dall’uovo. I Canederli vengono poi cucinati nel brodo e serviti con burro fuso e formaggio grattugiato, un primo piatto gustoso e saporito ideale da gustare durante la stagione invernale, non si tratta infatti di un piatto leggero, ma ogni tanto uno strappo alla regola si può fare 🙂

Ingredienti:

  • 200 gr. pane raffermo
  • 2 uova
  • 150 ml. latte
  • 80 gr. speck
  • 2 cucchiai di farina
  • 80 gr. formaggio fresco (3 mesi)
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • erba cipollina
  • 40 gr. burro
  • formaggio grattugiato

Tempo di preparazione: 45 minuti

Tempo di cottura: 5 minuti

Procedimento:

Ricetta Canederli
Tagliare il pane in piccoli cubetti e fare lo stesso con lo speck. Tagliare finemente la cipolla ed il prezzemolo
Ricetta Canederli
Rosolare la cipolla per qualche minuto a fuoco basso con un filo d’olio
Ricetta Canederli
Aggiungere lo speck e rosolare anche questo

Ricetta Canederli

Ricetta Canederli
In un’ampia terrina mescolare il pane con la cipolla e lo speck
Ricetta Canederli
In un’altra terrina mettere le uova intere ed il latte e mescolare con una frusta
Ricetta Canederli
Aggiungere prezzemolo ed erba cipollina e mescolare
Ricetta Canederli
Aggiungere a questo il pane ed amalgamare il tutto
Ricetta Canederli
Aggiungere la farina, sale e pepe ed amalgamare
Ricetta Canederli
Formare delle palline grandi circa quanto un’albicocca
Ricetta Canederli
Mettere a bollire il brodo o in alternativa mettere nell’acqua un cubetto di dado ed immergervi i canederli. Cuocere a fuoco basso lasciando sobbollire i canederli per 5 minuti da quando vengono a galla
Ricetta Canederli
Condire i canederli con burro fuso e formaggio grattugiato e servirli caldi

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Salam tal aset – Salame all’aceto

Il Salam tal aset in italiano Salame all’aceto è una ricetta tipica friulana, una di quelle ricette della cucina povera di una volta, di quelle che si preparavano con quel poco che si aveva, che ora non si fanno quasi più e si mangiano solo ogni tanto alle Sagre paesane o in qualche casa del nord del Friuli. Nemmeno io l’avevo mai preparata in casa prima, l’avevo mangiata a casa dei miei e ad una sagra tempo fa. Mio marito quando l’ha assaggiato, essendo un amante del genere, ha commentato: – da rifare! – Preparare in casa il Salame all’aceto è molto facile e veloce, la ricetta di questo secondo piatto va obbligatoriamente gustata accompagnata con una bella fetta di polenta fumante e magari assieme ad un frico di patate e ad un frico friabile dopo di che potete tranquillamente andare a farvi un pisolino 🙂

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 fette di salame fresco tagliate spesse circa mezzo centimetro (in tutto è circa mezzo salame)
  • mezza cipolla
  • un goccio d’olio
  • aceto di vino rosso

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

Procedimento:

Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Sbucciare il salame e tagliarlo al coltello a fette spesse
Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Tagliare finemente la cipolla e metterla a rosolare per qualche minuto con un goccio d’olio o con una noce di burro
Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Aggiungere il salame e lasciarlo cuocere qualche minuto
Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Rigirarlo e lasciarlo ancora un paio di minuti in modo che rilasci il suo grasso
Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Irrorare con un bel goccio di aceto di vino rosso
Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Cuocere un paio di minuti il salame nell’aceto rigirandolo
Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Lasciar evaporare l’aceto
Ricetta di salame all'aceto, salam tal aset
Servire il Salame all’aceto caldo con un po’ del suo sughetto

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Asparagi con salsa di uova

Salve amici, oggi, venerdì Santo, non si mangia carne, allora vi lascio una ricetta facile facile da preparare gli Asparagi con Salsa di Uova. Le uova sono l’accompagnamento ideale per gli asparagi e questo piatto ne è la dimostrazione, preparo questa ricetta ogni anno in primavera appena arrivano gli asparagi perchè è veloce e molto saporita e a mio marito piace molto. Gli sparagi con salsa di uova sono un piatto di origine Veneta ed è l’antipasto per eccellenza, soprattutto nella zona di Vicenza del giorno di Pasqua, quindi direi che ci siamo 🙂 Quest’anno mi sono data alla pazza gioia con gli asparagi, li ho utilizzati in diverse preparazioni, spero di riuscire a postare tutte le ricette che ho preparato prima che finisca la loro stagione. Se vi va di provarlo, per cambiare, per provare una nuova ricettina al volo ne sarò ben felice 😀 e mi raccomando non dimenticatevi di dirmi se vi è piaciuta, vi saluto e auguro a tutti voi una serena Pasqua ^_^

Ingredienti:

  • 500 gr. asparagi
  • 4 uova
  • sale, pepe
  • olio EVO
  • aceto balsamico

Tempi di preparazione: 15 minuti

Tempi di cottura: 20 minuti

Procedimento:

Ricetta asparagi con salsa di uova
Togliere i tuorli e metterli in una ciotola, tritare finemente un albume ed aggiungere anche questo, aggiungere sale, pepe, 4 cucchiai di olio ed un goccio di aceto balsamico
Ricetta asparagi con salsa di uova
Amalgamare il tutto a crema, se volete una salsa più fluida aggiungete ancora un paio di cucchiai di olio, assaggiate per controllare la sapidità
Ricetta Vellutata di asparagi
Lavare gli asparagi, con un pelapatate pelare i gambi e spezzarli. Il gambo dovrebbe rompersi nel punto in cui inizia a essere morbido
Ricetta asparagi con salsa di uova
Mettere a bollire l’acqua, tuffarvi gli asparagi e cuocerli per 5-10 minuti
Ricetta asparagi con salsa di uova
Sollevarli e lasciarli asciugare
Ricetta asparagi con salsa di uova
Sistemare gli asparagi sul piatto di portata, salarli, peparli ed aggiungere la salsa alle uova, completare con un goccio di olio EVO

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Frico friabile

ODE AL FRICO 🙂  oggi vi propongo un piatto tipico della cucina friulana, forse proprio il piatto più tipico, il Frico Friabile, molti di voi non lo conosceranno e se non siete stati in Friuli difficilmente avrete avuto modo di assaggiarlo ma se passate da queste parti fatemi sapere, vi suggerisco un posto dove lo preparano buonissimo. Ormai anche in Friuli non lo si trova più così facilmente, lo fanno in alcuni ristoranti e in alcune sagre paesane, imparare a prepararlo è proprio un modo per non perdere le tradizioni. Avevo già preparato in passato il Frico di Patate, molto più comune, che si fa con formaggio morbido e patate, il Frico friabile invece si prepara con una miscela di formaggi stagionati grattugiati oppure, in alternativa, si può utilizzare il formaggio Biraghi grattugiato che si trova al supermercato e che va molto bene. Il Frico friabile è sostanzialmente una cialda di formaggio grattugiato che non deve risultare piatta ma deve essere alta almeno quanto un dito e molto friabile, la preparazione è veloce ma nasconde delle insidie. Naturalmente sarebbe meglio averlo assaggiato almeno una volta prima di cucinarlo, per capire se ci siete andati vicini, ma se vi incuriosisce potete provare a prepararlo anche solo guardando le foto di come viene 🙂 il frico friabile è molto delicato da trattare, bisogna stabilire un feeling onde evitare un completo disastro, e se ci riuscirete sarà amore eterno 😀 un po’ come con noi noi friulani 🙂  Ve lo dico subito, non è un piatto leggero e va mangiato obbligatoriamente con una bella fetta di polenta fumante, meglio se arrostita e con altri piatti friulani come il frico di patate, la salsiccia, il salame … e magari con un po’ di verdurina per smorzare tutto questo sapore. Per preparare un buon frico friabile bisogna tenere presente alcuni punti:

  • bisogna utilizzare un pentolino piccolo antiaderente, altrimenti il formaggio si incollerà direttamente sul fondo;
  • il pentolino deve contenere 3 dita di olio, il formaggio deve galleggiare;
  • l’olio deve avere la temperatura giusta che deve stare attorno ai 150 gradi, sarebbe meglio controllare con un termometro da cucina;
  • il formaggio deve essere versato tutto insieme;

Il formaggio a contatto con l’olio fa la schiuma e poi tende a separarsi, bisogno radunarlo delicatamente tutto al centro e appena forma una cialda unica, con l’aiuto di 2 forchette e con un movimento abbastanza rapido bisogna sollevarlo e girarlo. Per unirsi dovrebbe bastargli 1 minuto, ma siccome è un po’ capriccioso è necessario controllarlo. Se trovate il coraggio di cimentarvi fatemi sapere, so che non è facile ma se vi va di organizzare una cena friulana il Frico Friabile è d’obbligo. In alternativa si trovano in commercio nei piattini di alluminio 😀 Ci sarebbe poi un altro metodo per prepararlo ma lo vedremo magari più avanti.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. formaggio grattugiato Biraghi
  • 1 litro olio di semi di arachidi

Tempo di preparazione: /

Tempo di cottura: 3 minuti a frico

Procedimento:

Ricetta Frico friabile
Mettere in un recipiente 5 cucchiai di formaggio grattugiato
Ricetta Frico friabile
Mettere l’olio in un pentolino e portarlo a 150-160 gradi
Ricetta Frico friabile
Versare il formaggio tutto insieme nell’olio bollente
Ricetta Frico friabile
Inizialmente il formaggio sfrigolerà e si formerà la schiuma
Ricetta Frico friabile
Quando la schiuma sparisce il formaggio inizierà a riunirsi formando uno spessore. Cercate di tenerlo vicino con la punta della forchetta. Quando si sarà attaccato e avrà formato  un cerchio giratelo sottosopra utilizzando due forchette. Fate cuocere ancora 1 minuto e poi sollevatelo
Ricetta Frico friabile
Il frico deve mantenere un colore chiaro, pertanto è da cuocere un paio di minuti al massimo. Mettete il frico a sgocciolare sopra 2 fogli di carta da cucina
Servite il frico friabile con polenta, salame ed un po’ di verdura fresca

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Bucatini all’amatriciana

I Bucatini all’amatriciana sono uno dei grandi classici della cucina italiana, ed in particolare sono originari della città di Amatrice da cui il nome. Anche se la vera pasta all’amatriciana viene preparata con gli spaghetti io ho optato per i bucatini, che è un formato di pasta che non preparo spesso e si prestano particolarmente ad essere cucinati all’amatriciana. I bucatini o gli spaghetti all’amatriciana sono un primo piatto di quelli tipici che si trovano sui menù di tutti i ristoranti, sia in Italia che nei ristoranti italiani all’estero, si prepara utilizzando con il guanciale e si condisce con il Pecorino Romano, in genere è una pasta che piace a tutti, a me piace tantissimo e ogni tanto la preparo, la mia non è sicuramente la versione originale ma ho cercato di avvicinarmi il più possibile compatibilmente con i gusti miei e del resto della famiglia 🙂

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. bucatini
  • 400 gr. pomodori pelati
  • 100 gr. guanciale
  • 1 peperoncino secco
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • 60 gr. pecorino romano
  • olio EVO
  • sale

Tempi di preparazione: 10 minuti

Tempi di cottura: 20 minuti

Procedimento:

Ricetta Bucatini all'amatriciana
Con una forchetta schiacciare i pomodori pelati
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Tagliare il guanciale a dadini e metterlo a rosolare in una padella con un filo d’olio
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Quando il grasso del guanciale sarà diventato trasparente sfumare con il vino bianco
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Mettere a cuocere la pasta in acqua bollente e salata
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Aggiungere al guanciale i pomodori pelati schiacciati
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Cuocere a fuoco medio fino a quando la pasta non sarà cotta al dente
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Scolare la pasta nel sugo e farla saltare
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Aggiungere il pecorino e servire calda e fumante
Ricetta Bucatini all'amatriciana
Ed ecco i vostri bucatini all’amatriciana

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Orata al limone

Eccoci qua, per la serie venerdì pesce, oggi vi propongo la ricetta di un secondo piatto di pesce molto sfizioso, una ricetta light, fresca e gustosa, l’Orata al Limone. Me ne aveva parlato un collega di lavoro un giorno durante la pausa caffè, mi era subito piaciuta ma l’avevo memorizzata un po’ così, velocemente, sempre con l’intenzione di farla e poi rimanda e rimanda l’avevo quasi dimenticata. Cercando un po’ in giro ne avevo trovata una simile su uno dei miei libri di cucina friulana, così mi è ritornata alla mente e l’ho fatta, cercando nei meandri della mia memoria. A casa mia il pesce è sempre molto gradito, nonostante siamo più vicini alle montagne che al mare lo cuciniamo abbastanza spesso anche se la nostra tradizione prevede una cucina più orientata alla carne, a forza di tenta e ritenta un pochino ho imparato a cucinarlo 🙂  se vi ispira provatela e fatemi sapere se vi è piaciuta 😉

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 orate da 600 gr. l’una circa
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 2 spicchi di aglio
  • 4 foglie di alloro
  • 1 limone
  • olio Extravergine di Oliva
  • sale

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 40 minuti

Procedimento:

Ricetta Orata al limone
Preparare un trito con aglio e prezzemolo
Ricetta Orata al limone
Curare le orate tagliando il ventre ed estrendo le viscere. Tenendo l’orata per la coda con un coltello raschiare le squame
Ricetta Orata al limone
Lavare le orate sotto l’acqua corrente ed asciugarle con della carta da cucina
Ricetta Orata al limone
Riempire il ventre con il trito ed aggiungere una foglia di alloro
Ricetta Orata al limone
Cospargere le orate con aglio e prezzemolo e salarle
Ricetta Orata al limone
Tagliare il limone a fettine
Ricetta Orata al limone
Disporre le orate sopra un foglio di carta forno, coprirle con le fette di limone, un goccio d’olio ed irrorarle con il vino ed infornare
Ricetta Orata al limone
Cuocere a 180 gradi per 40 minuti
Ricetta Orata al limone
Servire l’orata calda con il suo sughetto

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Saltimbocca alla Romana

Oggi cuciniamo i Saltimbocca alla Romana un secondo piatto molto gustoso, leggero e veloce da preparare. I Saltimbocca alla Romana sono un piatto tipico della cucina laziale ed in particolare, come si può facilmente evincere dal nome, della cucina romana e sono così buoni che dal piatto saltano direttamente in bocca 😀 . La preparazione è molto veloce e richiede davvero pochissimi ingredienti, delle fettine di vitello, che vanno battute e rese sottilissime, una fetta di prosciutto crudo ed una fogliolina di salvia, anche la cottura deve essere velocissima, per evitare che la carne si indurisca ed il prosciutto da crudo diventi cotto, un secondo piatto che costituisce uno dei vanti della cucina italiana.

Ingredienti per 2 persone:

  • 4 fettine di vitello da 70-80 gr. l’una
  • 4 fette di prosciutto crudo
  • 4 foglie di salvia
  • 20 gr. burro
  • meno di 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • sale, pepe

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

Procedimento:

Ricetta Saltimbocca alla Romana
Mettere le fettine sopra un tagliere ed appiattirle con un batticarne
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Posizionare su ogni bistecca una fettina di prosciutto crudo, una foglia di salvia e fermarle con uno stuzzicadenti
Ricetta Saltimbocca alla Romana
In un’ampia padella sciogliere il burro ed adagiare i saltimbocca
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Cuocere qualche minuto fino a quando non cambiano colore poi girarli per cuocerli velocemente anche sotto, aggiungere sale e pepe
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Rigirare i saltimbocca, sfumare con il vino, lasciar evaporare ed asciugare leggermente
Ricetta Saltimbocca alla Romana
Servire i Saltimbocca alla Romana ben caldi con il loro sughetto

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016-2017 – All rights reserved

Spaghetti all’arrabbiata

In genere ci si cucinano le penne, ma io trovo che anche con gli spaghetti questo piatto renda molto bene. Le penne all’arrabbiata sono un piatto tradizionale della cucina laziale, ed in particolare romana, si tratta di uno dei primi piatti classici della cucina italiana, quelli per capirci che si trovano sui menù di tutti i ristoranti italiani da nord a sud del paese. Dal gusto deciso e dal sapore piccante gli spaghetti all’arrabbiata sono un piatto semplice e veloce ma che racchiude tutto il sapore della cucina mediterranea e, si sa, con il classico non si sbaglia mai. Siccome non sono io se non metto il mio ditino 🙂 oltre ad aver cambiato il formato di pasta mi sono permessa di aggiungere alla ricetta classica qualche pomodorino secco che avevo in casa e, a dire il vero ha giovato molto alla ricetta arricchendola di sapore e di carattere, se foste contrari a questi tipi di rivisitazioni potete semplicemente ometterlo 🙂 Una buona giornata a tutti voi 🙂

Ingredienti per 3 persone (anche 4 volendo):

  • 350 gr. spaghetti
  • 400 gr. pomodori pelati
  • 20 gr. olio EVO
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 pomodori secchi
  • 2 peperoncini secchi
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • Pecorino Romano
  • sale, pepe

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Procedimento:

Ricette spaghetti all'arrabbiata
Mettere a bollire l’acqua della pasta. In un piatto schiacciare i pelati con la forchetta per ridurli a polpa
Ricette pasta all'arrabbiata
In un’ampia padella mettere olio, aglio schiacciato ed il peperoncino a pezzetti
Ricette pasta all'arrabbiata
Asciugare dall’olio i pomodorini secchi
Ricette spaghetti all'arrabbiata
Quando l’aglio cambia colore sollevarlo ed aggiungere la polpa dei pomodori pelati, salare e pepare
Ricette spaghetti all'arrabbiata
Tagliare i pomodori secchi in piccoli pezzi, lavare e tritare finemente anche il prezzemolo
Ricette spaghetti all'arrabbiata
Aggiungere al sugo di pomodoro anche i pomodorini e lasciar cuocere
Ricette spaghetti all'arrabbiata
Infine aggiungere il prezzemolo
Ricette spaghetti all'arrabbiata
Scolare la pasta al dente e terminare la cottura nel sugo
Ricette spaghetti all'arrabbiata
Aggiungere il Pecorino Romano e servire subito

Ricette spaghetti all'arrabbiata Ricette spaghetti all'arrabbiata

 

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Gnocchi di susine

Gli gnocchi di susine sono un piatto tipico della cucina friulana. In questo piatto, di chiara origine e contaminazione Mitteleuropea, si incontrano e si uniscono i sapori contrastanti quali dolce e salato. Questo piatto molto particolare della tradizione friulana, viene infatti preparato con l’impasto classico degli gnocchi di patate che fungono da scrigno contenitore per la susina e mezza zolletta di zucchero, si si, avete letto bene, mezza zolletta di zucchero, il tutto viene racchiuso in un gnocco dalle dimensioni di poco più piccole di un’albicocca. Gli gnocchi di susine vengono poi cotti in acqua salata, ripassati nel burro fuso e pangrattato ed infine conditi con abbondante zucchero mischiato alla cannella. La bontà di questo piatto è unica ed indescrivibile, una vera e propria esperienza sensoriale. Gli gnocchi di susine si preparano generalmente in autunno quando le susine sono fresche e di stagione ma si possono preparare anche più avanti nella stagione o comunque in un altro periodo dell’anno utilizzando le prugne secche che sono dolci ed ugualmente adatte allo scopo.

Ingredienti:

Per il ripieno:

  • 300 gr. susine piccole
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 spolverata di cannella

Per gli gnocchi:

  • 800 gr. patate
  • 200 gr. farina 00
  • 1 uovo

Per il condimento:

  • 150 gr. burro
  • 40 gr. pangrattato
  • 1 cucchiaino cannella in polvere
  • 4 cucchiai di zucchero

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 25 minuti

Procedimento:

Ricetta gnocchi di susine
Denocciolare le prugne, tagliarle in 4, se piccole in 2, aggiungere 2 cucchiai di zucchero ed una spolverata di cannella, mescolare e lasciar macerare anche qualche ora
Ricetta gnocchi di susine
Nel cestello della pentola a pressione lessare le patate con tutta la buccia in poca acqua salandole leggermente con del sale grosso
Ricetta gnocchi di susine
Pelare le patate ancora calde e passarle allo schiacciapatate
Ricetta gnocchi di susine
Disporre sulla spianatoia le patate, la farina e l’uovo ed amalgamare velocemente
Ricetta gnocchi di susine
Formare un panetto e dividerlo in 4 parti
Ricetta gnocchi di susine
Con ogni quarto formare dei rotoli piuttosto grossi e dividerli in pezzi poco più grossi di una noce
Ricetta gnocchi di susine
Con ogni pezzo di impasto formare un incavo ed adagiare un pezzetto di susina, scolato dal succo, e mezza zolletta di zucchero, se non ce l’avete va bene anche mezzo cucchiaino di zucchero
Ricetta gnocchi di susine
Richiudere l’impasto schiacciando con un cucchiaino sulla susina per appiattire l’impasto nella parte sotto e portarlo verso l’alto
Ricetta gnocchi di susine
Questa è la forma e la grandezza che dovrà avere il vostro gnocco di susine
Ricetta gnocchi di susine
Fate così fino ad esaurimento dell’impasto
Ricetta gnocchi di susine
Preparare in una padella il burro ed il pangrattato
Ricetta gnocchi di susine
Mettere a bollire l’acqua salata, quando l’acqua bolle tuffare gli gnocchi una decina per volta
Ricetta gnocchi di susine
Appena gli gnocchi vengono a galla sollevarli con una schiumarola
Ricetta gnocchi di susine
Adagiare gli gnocchi nella padella con burro e pangrattato e farli saltare per un minuti rigirandoli, aggiungere qualche cucchiaino di composto di zucchero e cannella
Ricetta gnocchi di susine
Disporre gli gnocchi di susine sul piatto di portata, condire con un po’ di burro fuso e pangrattato ed aggiungere ancora abbondante zucchero e cannella

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved