Pasta al ragù di verdure

Salve amici, oggi vi lascio la ricetta della variante vegetariana, se volete aggiungere formaggio o vegana nel caso contrario, al classico ragù di carne: il ragù di verdure. Si tratta di un primo piatto molto semplice, sostanzialmente pasta con le verdure, un tripudio di verdure. Ovviamente ci sono mille modi di prepararlo ed ognuno ha il suo, inoltre il mix di verdure che ho utilizzato può variare a seconda della stagionalità e dei gusti, potremmo così avere anche una versione invernale del ragù di verdure, magari ci penso per l’inverno prossimo 😉 a noi è piaciuto, così vi lascio quest’idea, se vi va di provarla fatemi sapere se avete gradito 🙂

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr. pasta corta a piacere
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla media
  • olio EVO
  • sale, pepe
  • 200 gr. melanzana
  • 200 gr. peperone
  • 200 gr. zucchina
  • 200 gr. pomodori
  • basilico
  • 1 cucchiaio di doppio concentrato di pomodoro

Tempi di preparazione: 30 minuti

Tempi di cottura: 40

Procedimento:

Pasta al ragù di verdure ricetta
Tagliare a cubetti la melanzana, la zucchina ed il peperone
Pasta al ragù di verdure ricetta
Tagliare finemente sedano, carota e cipolla e lasciar appassire per una decina di minuti con un goccio d’olio
Pasta al ragù di verdure ricetta
Aggiungere le verdure, sale, pepe, il doppio concentrato sciolto in mezzo bicchiere di acqua e cuocere per una decina di minuti
Pasta al ragù di verdure ricetta
Tagliare i pomodorini, aggiungere sale, pepe, basilico, un goccio d’olio e mescolare
Pasta al ragù di verdure ricetta
Aggiungere i pomodorini crudi al ragù di verdure , mescolare e spegnere il gas
Pasta al ragù di verdure ricetta
Cuocere la pasta al dente e unirla al sugo
Pasta al ragù di verdure ricetta
Se gradite spolverare con formaggio grattugiato

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare una saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 All rights reserved

Lenticchie in umido

La cena tradizionale di capodanno a casa mia prevede cotechino e lenticchie, perché si dice che le lenticchie portino soldi e fortuna allora io ne mangio a volontà anche se fino a oggi non è successo niente comunque tentar non nuoce, della serie non è vero ma ci credo 😀 . A parte gli scherzi le lenticchie sono un contorno molto sano e nutriente, fonte di ricchezza ed energia per l’organismo, sono infatti ricche di ferro e proteine, un tempo venivano considerate la carne dei poveri. Le lenticchie sono inoltre molto comuni nella dieta vegetariana e vegana, oltre che come contorno anche come secondo in polpette ed hamburger o come primo piatto in paste e minestre.

Ingredienti:

  • 250 gr. lenticchie
  • 2 giri di olio EVO
  • 1 gambo di sedano
  • 100 gr. cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai doppio concentrato di pomodoro
  • sale

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Procedimento:

Ricetta Lenticchie in umido
Risciacquare le lenticchie in acqua fredda e lasciarle a bagno per un paio d’ore
Ricetta Lenticchie in umido
Scolarle e metterle a cuocere in acqua fredda salata
Ricetta Lenticchie in umido
Cuocere le lenticchie per una ventina di minuti portandole quasi a cottura
Ricetta Lenticchie in umido
Nel frattempo tritare aglio e cipolla e rosolarli nell’olio per qualche minuto
Ricetta Lenticchie in umido
Aggiungere il sedano tagliato finemente e lasciar insaporire un paio di minuti
Ricetta Lenticchie in umido
Aggiungere il concentrato di pomodoro sciolto in un bicchiere di acqua
Ricetta Lenticchie in umido
Scolare le lenticchie, rovesciarle nella pentola,  ed aggiungere 3 foglie di alloro e portare a cottura

Ricetta Lenticchie in umido

Ricetta Lenticchie in umido
Servire le lenticchie con del cotechino o zampone

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Minestra di farro e cavoli

E dopo i bagordi delle feste vi propongo un bel primo piatto depurativo la Minestra di Farro e Cavoli buona, invitante, colorata e sorprendente, una bella ricetta VEGAN per iniziare l’anno con un occhio di riguardo alla dieta ed alla salute senza trascurare il gusto e l’occhio, che, come si sa, vuole sempre la sua parte. Per preparare questa minestra ho utilizzato il cavolfiore arancione che da un bellissimo effetto cromatico, ma se non lo trovate potete tranquillamente utilizzare il cavolo viola o il cavolfiore classico, il gusto non cambia. Questa è una minestra “intercambiabile” se come mio marito trovate che il cavolo cappuccio dia un sapore troppo dolciastro potete sostituirlo con il cavolo romano (aggiungendolo al cavolfiore quando l’acqua bolle), che ha un gusto molto delicato e fa un po’ pandant con il cavolfiore, inoltre insieme al cavolo viola è molto bello anche da vedere, io ho preparato entrambe le versioni e devo dire che mi è piaciuta quasi di più quella con i 2 cavolfiori messi insieme. Al posto del classico brodo vegetale potete utilizzare l’acidulato di Umeboshi, si tratta di prodotto di origine giapponese salato ottenuto dalla stagionatura delle prugne Umeboshi. L’idea di questa zuppa parte da una ricetta realizzata al corso di cucina Vegan che avevo frequentato la primavera scorsa, poi, si sa, ci devo mettere la mia manina ed alla fine ho cambiato completamente la ricetta.

Ingredienti:

  • 150 gr. farro
  • 3 cucchiai olio EVO
  • 1 cucchiaino semi di girasole
  • 120 gr. cipolla
  • 400 gr. cavolo cappuccio
  • 400 gr. cavolfiore
  • 1 lt. acqua
  • 1 misurino di brodo vegetale (o 1-2 cucchiai di acidulato di umeboshi)
  • sale, pepe

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Procedimento:

Mettere l'olio in una pentola e farlo scaldare aggiungere i semi di girasole, da quando iniziano a sfrigolare calcolare 1 minuto
Mettere l’olio in una pentola e farlo scaldare aggiungere i semi di girasole, da quando iniziano a sfrigolare calcolare 1 minuto
Aggiungere la cipolla tagliata finemente e mescolare
Aggiungere la cipolla tagliata finemente e mescolare
Aggiungere il cavolo cappuccio tagliato al coltello mescolare e lasciar insaporire per un paio di minuti
Aggiungere il cavolo cappuccio tagliato al coltello mescolare e lasciar insaporire per un paio di minuti
Aggiungere l'acqua, un misurino di brodo vegetale o l'acidulato di umebosci e portare a bollore
Aggiungere l’acqua, un misurino di brodo vegetale o l’acidulato di umebosci e portare a bollore
Lavare il cavolfiore e tagliare tutte le cimette
Lavare il cavolfiore e tagliare tutte le cimette
Aggiungere il cavolfiore ed il farro e cuocere per una ventina di minuti fino a quando il farro non sarà cotto
Aggiungere il cavolfiore ed il farro e cuocere per una ventina di minuti fino a quando il farro non sarà cotto
 Servire la minestra di farro e cavoli bollente
Servire la minestra di farro e cavoli bollente

 

img_9362aa

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Muffin vegan alla zucca

I MUFFIN VEGAN ALLA ZUCCA sono delle golose e profumate tortine preparate con la polpa di zucca ed arricchite con croccanti gocce di cioccolato, un dolcetto ideale da preparare come alternativa vegana per la festa di Halloween. La ricetta è tratta dalla dispensa che mi hanno dato al corso base di cucina vegan che ho frequentato la scorsa primavera, l’ultima sera abbiamo preparato i dolci, dulcis in fundo. Gli ingredienti richiesti sono tutti abbastanza facilmente reperibili o comunque sostituibili con altri disponibili in commercio, in alcuni casi ho preferito utilizzarne altri perché quelli richiesti mi avrebbero fatto spendere una fortuna, il risultato è stato ottimo. Per questa ricetta ho utilizzato una farina semintegrale Tipo 2, meno raffinata e più ricca di fibre e crusca e tutti ingredienti ad alto valore nutrizionale. La ricetta originale aveva le dosi espresse in “tazze”, non avendo la tazza ho dovuto escogitare uno stratagemma per fare i pesi, ho preso come riferimento da internet una tazza di acqua, ho segnato il bicchiere con un pennarello indelebile e da lì sono partita per calcolare il peso di tutti gli ingredienti, un procedimento un po’ macchinoso ma che ha funzionato. Il composto è venuto della consistenza giusta ed i muffin erano molto buoni, tanto che nessuno a casa si è accorto che erano vegan, l’unica differenza rispetto ai muffin fatti con le uova è che questi internamente restano più morbidi ed un po’ più friabili.

Ingredienti per 12 muffin

  • 350 gr. farina semi integrale T2
  • 2 cucchiaini di lievito istantaneo (cremor tartaro) (io 1 bustina di lievito istantaneo)
  • 1 cucchiaino bicarbonato
  • 1 cucchiaino scarso sale integrale (io sale di roccia)
  • 1 cucchiaino e mezzo vaniglia estratto in polvere (io i semi di 1 bacca di vaniglia)
  • buccia grattugiata di mezzo limone
  • 100 gr. olio di cocco vergine o olio di oliva delicato (io 50 gr. olio di EVO e 50 gr. olio di semi di mais)
  • 220 gr. malto di miglio, mais o riso (io malto d’orzo)
  • 100 gr. sciroppo d’acero
  • 160 gr. latte di riso
  • 130 gr. crema di zucca (cotta e frullata)
  • 300 gr. gocce di cioccolato

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Procedimento:

Ricetta Muffin vegan alla zucca
Pelare la zucca, tagliarla a cubetti e metterla nel cestello per la cottura al vapore con un bicchiere di acqua
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Cuocere la zucca nella pentola a pressione per una decina di minuti fino a quando non sarà sfatta
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Trasferire la zucca su un piatto e schiacciarla con la forchetta
Ricetta Muffin vegan alla zucca
In una ciotola media mescolare farina, lievito, bicarbonato e sale
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Unire anche la vaniglia o i semi della bacca come nel mio caso, la buccia del limone grattugiata e mescolare
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Se necessario altro liquido aggiungere acqua frizzante a temperatura ambiente o poco latte di riso. La consistenza finale non deve risultare eccessivamente liquida
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Incorporare solo alla fine le gocce di cioccolato mescolando il minimo indispensabile per distribuirle
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Con un cucchiaio versare l’impasto negli stampi ed infornare in forno ventilato a 160 gradi per 22 minuti. Quando i muffin sono ben colorati spegnere il forno e lasciare altri 10 minuti prima di rimuovere
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Estrarre i muffin e lasciarli raffreddare
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Muffin vegan alla zucca
Ricetta Muffin vegan alla zucca
Muffin vegan alla zucca
Ed ecco i vostri muffin vegan alla zucca pronti da gustare
Ed ecco i vostri muffin vegan alla zucca pronti da gustare
Ricetta Muffin vegan alla zucca
E questo è l’interno

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Zuppa di farro con castagne e funghi

La ZUPPA DI FARRO CON CASTAGNE E FUNGHI è una ricetta che mi ha passato Daniela della palestra anche lei appassionata di cucina. Sua nipote è vegana e lei a volte si diletta a cucinare per leri qualche nuova ricetta vegana. Un giorno sono entrata in palestra e Daniela mi ha detto: – ho fatto una zuppa vegana buonissima, con il farro, i funghi e le castagne – mi ha incuriosita così tanto che le ho chiesto di darmi la ricetta. Era l’anno scorso, ormai la stagione era avanti e le castagne non si trovavano più, così ho messo da parte la ricetta e l’ho rispolverata in questi giorni. La zuppa di farro castagne e funghi è un primo piatto molto particolare che racchiude i sapori tipici dell’autunno utilizzando un frutto, le castagne, che non viene usato molto spesso all’interno di un primo piatto. Questa zuppa dalle diverse consistenze unisce sapori che pur essendo molto diversi tra di loro si amalgamano molto bene insieme. La ricetta in origine prevedeva l’uso dei funghi porcini, non avendoli trovati io ho utilizzato i funghi gialletti freschi che oltre ad essere buoni sono anche molto meno cari. Non avevo mai cucinato il farro, ma con l’arrivo della stagione fredda mi è sembrato il momento giusto per preparare una zuppa calda utilizzando questo cereale così ricco di proprietà benefiche, vitamine e sali minerali.

Ingredienti:

  • 250 gr. marroni (o castagne, i primi sono molto più comodi da sbucciare)
  • 1 porro, circa 200 gr. pulito
  • 150 gr. farro decorticato
  • 1 foglia di alloro
  • rosmarino
  • 150 gr. funghi gialletti o porcini
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe nero

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 60 minuti

Procedimento:

Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Incidere i marroni tutto intorno in profondità in modo da tagliare anche la pellicina
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Metterli a bagno in acqua fredda per un’ora
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Trascorso questo tempo mettere a bollire l’acqua, tuffare i marroni e lasciarli cuocere per 3 minuti
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Estrarre i marroni e togliere subito la buccia, se sono stati incisi bene verrà via molto facilmente. Una volta terminata questa operazione rompere ogni castagna in 3-4 pezzi
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Affettare il porro
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Soffriggere il porro assieme ad uno spicchio di aglio in due cucchiai di olio
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Aggiungere 1 litro e mezzo di acqua, portare ad ebollizione e cuocere a fuoco basso per 40 minuti
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
In un filtro metallico da tè mettere il rosmarino e l’alloro, in modo che siano facilmente recuperabili, ed aggiungerli al brodo
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Lavare velocemente i funghi e tagliarli in pezzi non troppo piccoli
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
5 minuti prima della fine della cottura aggiungere i funghi alla zuppa
Ricetta zuppa di farro castagne e funghi
Servire la zuppa calda e spolverando con pepe appena macinato

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Zucchine alla scapece

Escabeche (o scapece) è una tecnica utilizzata in cucina per la marinatura degli alimenti, si tratta di un procedimento di conservazione di un prodotto sotto aceto, questo tipo di procedimento è di origine araba ma è stato rielaborato dalla tradizione culinaria spagnola. La marinatura degli alimenti trova largo uso in diverse regioni d’Italia, in Puglia, Liguria, Molise, Sicilia, Sardegna e Abruzzo viene utilizzata principalmente per la marinatura di vari tipi di pesce. Ma la stessa tecnica viene utilizzata anche in diversi paesi del sud America per la marinatura delle carni. Le zucchine alla scapece sono un piatto tipico della cucina Campana ed in particolare Napoletana, consiste nella frittura delle zucchine tagliate a rondelle in olio di semi e poi scolate e fatte marinare con aglio, menta e aceto. Ho scoperte da qualche anno questa ricetta e d’estate, quando si può friggere con la porta aperta, almeno un paio di volte la preparo. Le zucchine alla scapece sono un contorno delizioso e dal sapore particolare che vanno gustate fredde e si apprezzano particolarmente dopo essere state lasciate riposare almeno un paio d’ore, sono molto buone se accompagnate con una mozzarella di buona qualità, meglio se di bufala, o con dei crostini di pane, ma sono anche molto gustose come contorno o come antipasto.

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 zucchine, 500 gr. circa
  • 40 ml. aceto di mele
  • 1 grosso spicchio di aglio
  • 10 foglie di menta
  • sale
  • olio EVO per friggere

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Procedimento:

Ricetta zucchine alla scapece
Preparare la marinatura unendo l’aglio tagliato a spicchi con l’aceto, il sale e le foglie di menta spezzettate
Ricetta zucchine alla scapece
Lavare spuntare, tagliare le zucchine a fettine fini e friggerle in abbondante olio extravergine di oliva
Ricetta zucchine alla scapece
Cuocere le zucchine fino a doratura rigirandole
Ricetta zucchine alla scapece
Sollevare le zucchine con un mestolo forato, sgocciolarle dall’olio e disporle in una pirofila
Ricetta zucchine alla scapece
Aggiungere alla marinatura preparata in precedenza 60 ml. di olio di frittura delle zucchine, è poco più di 1/4 di bicchiere da tavola
Ricetta zucchine alla scapece
Versare la marinatura sopra le zucchine, mescolare delicatamente, una volta fredde coprire con pellicola e lasciar riposare almeno un paio d’ore
Ricetta zucchine alla scapece
Servire le zucchine come contorno, accompagnate con della mozzarella di bufala fresca o sui crostini di pane

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Gnocchi di zucchine senza uova

Le zucchine di questi tempi la fanno da padrone, ce n’è in abbondanza, strabordano in tutti gli orti e al negozio le vendono a ottimi prezzi, allora perché non approfittarne …  Una settimana fa qualcuno chiedeva su facebook come utilizzare delle zucchine che, in una settimana di assenza dall’orto, erano diventate enormi. Uno dei suggerimenti era proprio quello di preparare gli gnocchi, visto che era da un po’ che non preparavo gli gnocchi ho preso la palla al balzo, ho messo vicino un po’ di idee, mi sono documentata un po’ e poi mi sono cimentata nella preparazione di questi gnocchi di zucchine senza uova. Prima ho cotto un po’ le zucchine in padella con scalogno, prezzemolo e basilico e poi le ho passate al mixer. Il risultato è stato niente male, per cui direi esperimento riuscito. Io le ho condite con un semplice sugo di pomodoro ottenendo una ricetta completamente vegana, ma volendo si possono anche condire con una crema di taleggio o con un altro sugo a vostro piacere.

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. zucchine
  • 300 circa gr. farina 00
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • 4 foglie di basilico
  • 40 gr. scalogno
  • sale
  • pepe

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Procedimento:

Tagliare finemente lo scalogno e farlo appassire in una pentola capiente con 2 giri di olio
Tagliare finemente lo scalogno e farlo appassire in una padella capiente a fuoco dolce per una decina di minuti con 2 giri di olio EVO
Lavare, spuntare e tagliare a dadini le zucchine. Aggiungerle allo scalogno. Salare e pepare e lasciar cuocere una decina di minuti
Lavare, spuntare e tagliare a dadini le zucchine. Aggiungerle allo scalogno. Salare e pepare e lasciar cuocere una decina di minuti
Tagliare finemente il prezzemolo, lavare ed asciugare le foglie di basilico ed aggiungerle alle zucchine e mescolare
Tagliare finemente il prezzemolo, lavare ed asciugare le foglie di basilico ed aggiungerle alle zucchine e mescolare
Lasciare cuocere ancora una decina di minuti mescolando di tanto in tanto e poi spegnere il gas e lasciare intiepidire
Lasciare cuocere ancora una decina di minuti mescolando di tanto in tanto e poi spegnere il gas e lasciare intiepidire
Versare le zucchine in un bicchiere e frullare con un mixer per ridurre in purea
Versare le zucchine in un bicchiere e frullare con un mixer per ridurre in purea
Disporre la farina sulla spianatoia e mettere al centro la purea di zucchine iniziando ad incorporare la farina un po' alla volta
Disporre la farina sulla spianatoia e mettere al centro la purea di zucchine iniziando ad incorporare la farina un po’ alla volta
Incorporare la quantità di farina necessaria a ottenere un composto morbido ma lavorabile
Incorporare la quantità di farina necessaria a ottenere un composto morbido ma lavorabile
Tagliare l'impasto in 4 pezzi e ricavare i cordoncini tipici degli gnocchi. Tagliarli i cordoncini con la spatola per ricavare gli gnocchi
Tagliare l’impasto in 4 pezzi e ricavare i cordoncini tipici degli gnocchi. Tagliarli i cordoncini con la spatola per ricavare gli gnocchi
Mettere a cuocere gli gnocchi in acqua bollente salata a metà. Appena gli gnocchi vengono a galla sollevarli con un mestolo forato
Mettere a cuocere gli gnocchi in acqua bollente salata a metà. Appena gli gnocchi vengono a galla sollevarli con un mestolo forato
Condire gli gnocchi con un sugo a piacere e servirli immediatamente
Condire gli gnocchi con un sugo a piacere e servirli immediatamente

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Insalata con muesli salato croccante – ricetta vegana

La scorsa primavera ho frequentato un corso base di cucina vegana. Non in quanto vegana ma come curiosa,  amante della cucina e ignorante in questo campo. Ne sono rimasta entusiasta e mi sono ripromessa di riproporre sul mio blog alcune delle ricette che ho trovato più interessanti, l’insalata con muesli salato croccante è una di quelle, l’ho trovata molto gustosa e adatte e l’ho rifatta a casa. Mio marito carnivoro non ne è rimasto particolarmente entusiasta, invece a me è piaciuta molto. Poterla apprezzare appieno è necessario fare alcune precisazioni. Il cibo tradizionale non apporta all’organismo una dose corretta di nutrienti, vitamine, proteine, e sali minerali in proporzione alla quantità con il quale viene assunto, il risultato è di una popolazione spesso in sovrappeso e mai sazia. L’idea della cucina vegana è anche quella di assumere cibi ricchi di fibre, vitamine e nutrienti in quantità minore e con un indice di sazietà più elevato.

Alcune note sugli ingredienti che ho utilizzato:

Il sale integrale di roccia nasce da un lunghissimo processo di evaporazione naturale. Il sale viene semplicemente macinato senza subire processi di raffinazione, rimane nel sottosuolo fino al momento dell’estrazione ed il confezionamento avviene all’interno della miniera in modo da preservare al meglio tutte le sostanze benefiche conferitegli dall’acqua di mare. Al contrario, il sale bianco raffinato viene sottoposto ad un processo industriale di raffinazione privandolo degli 82 elementi terapeutici in esso contenuti, oligoelementi essenziali benefici per l’organismo.

I semi di girasole possono essere considerati come un integratore naturale del nostro organismo, sono ricchi di acidi grassi essenziali come acido folico, acido linoleico e omega 3 e vitamine del gruppo B e vitamina E. Tra i sali minerali contenuti nei semi di girasole, troviamo ferro,  zinco e fosforo. Presentano, inoltre, un buon contenuto di magnesio e di potassio. Per non dilungarmi e annoiarvi, se volete approfondire, vi lascio il link dove ho trovato queste informazioni ed altre molto interessanti al riguardo, potete cliccare qui .

I fiocchi d’avena sono fonte di carboidrati a lenta digestione, rappresentano perciò energia a lungo termine. Sono inoltre ricchi di fibre che garantiscono il corretto funzionamento dell’intestino. l’avena è il cereale più ricco di proteine e di acidi grassi essenziali, come l’acido linoleico. Il suo contenuto di fibre solubili è importante per placare l’appetito e normalizzare il peso corporeo. La farina d’avena è un alimento nutritivo e rinforzante, che viene consigliato ai bambini e ai convalescenti. Se volete leggere tutto l’articolo cliccate qui

In genere quando si fanno tutte queste premesse è per dire che anche se non è buono però fa bene, in questo caso vi posso garantire che l’insalata con muesli salato croccante è molto gustosa e appagante, non vi resta che provarla 🙂 buona giornata.

Ingredienti per 4 persone:

  • 60 gr. fiocchi di avena
  • 40 gr. nocciole
  • 30 gr. semi di girasole
  • 1/2 cucchiaino di semi di cumino
  • 1 peperoncino piccante
  • 1/2 cucchiaino sale marino integrale
  • 1 cucchiaio olio di semi di girasole
  • 1 cucchiaio malto di riso
  • 480 gr. insalata (di 3 diversi tipi a vostra scelta)

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 15 minuti

Procedimento:

Ricetta insalata con mueslu croccante salato
Lavare le tre insalate, farle sgocciolare per bene e prepararle tagliate
Ricetta insalata con mueslu croccante salato
Rompere le nocciole in modo grossolano
Ricetta insalata con mueslu croccante salato
Ridurre in polvere il cumino ed il peperoncino con una macina spezie o un pestello
Ricetta insalata con mueslu croccante salato
Versare il composto su un foglio di carta forno, coprirlo con un altro foglio
Ricetta insalata con mueslu croccante salato
Con un mattarello livellare il composto a 1 cm
Ricetta insalata con mueslu croccante salato
Infornare in forno caldo ventilato a 170 gradi per 15 minuti circa, stando attenti verso la fine che non si brucino i bordi, nel caso estrarre immediatamente
Ricetta insalata con mueslu croccante salato
Lasciar raffreddare il muesli, preparare la terrina con l’insalata e romperci sopra il muesli, mescolare e gustare

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Pasta al pomodoro

Bentornati alla rubrica cucina da single 🙂 il piatto che andremo a preparare oggi è un classico della cucina mediterranea, la pasta ad pomodoro … 🙂 La presentazione mi fa tanto Antonella Clerici 🙂 Pensando a come impostare questa ricetta mi sono venute molte idee, in realtà, volendo fare i sofisticati, ci sarebbero mille modi diversi per affrontare una ricetta all’apparenza semplice. Ma visto che la ricetta è semplice ho deciso di non complicarla con operazioni del tipo … scottare i pomodori in acqua bollente per qualche minuto per eliminare la buccia … , o … tagliare i pomodori a metà e togliere i semini interni … , se semplice deve essere semplice sia, senza andare a complicarsi la vita, quindi ve la propongo così, semplice e fresca, leggera ed estiva ed è anche vegana, così da accontentare un po’ tutti  🙂 Solo una nota riguardo alla quantità di pelati, io ho provato a farla sia con 300 che con 400 grammi, e a noi tutti è sembrata più buona così, con un po’ meno sugo, ma se vi piace abbondante, a parità di tutto il resto potete aumentare un po’ la quantità di pomodori pelati.

Ingredienti per 2 persone:

  • 180 gr. spaghetti
  • 300 gr. pomodori pelati di buona qualità
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine di oliva
  • 5-6 foglie di basilico fresco

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Procedimento:

ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Mettere i pomodori pelati in un piatto e schiacciarli con una forchetta per ridurli a polpa

ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro

ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Sbucciare l’aglio e schiacciarlo facendo pressione con la lama di un coltello
ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
In una padella mettere l’olio e l’aglio, accendere il gas e lasciar sfrigolare l’aglio per un paio di minuti nell’olio senza aspettare che cambi colore
ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Aggiungere i pelati schiacciati, il sale, il pepe e mescolare. Mettere a bollire l’acqua per la pasta
ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Sollevare l’aglio e lasciar cuocere a fuoco medio per 10-15 minuti in modo che si rapprenda
ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Aggiungere il basilico spezzettato con le dita
ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Mescolare, lasciar cuocere ancora 5 minuti e poi spegnere
ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Una volta lessati gli spaghetti in acqua salata versarli nella padella con il sugo e mescolare con 2 mestoli
ricetta-pasta-spaghetti-al-pomodoro
Servire subito la pasta al pomodoro e basilico

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Patè di tofu alla mediterranea

Verso la fine di febbraio sono incappata per caso in una pagina facebook dove si pubblicizzava un corso di cucina vegan. Sulle prime ero un po’ scettica, si sente parlare spesso della cucina vegana e molte volte le ricette proposte sono una improbabile imitazione della cucina tradizionale con ingredienti alternativi il cui risultato appare spesso triste e poco convincente. Quattro lezioni, la sera, in un giorno infrasettimanale, abbastanza lontano da casa mi sembrava troppo impegnativo e complicato da gestire … Ma siccome in fatto di cucina sono curiosa come una scimmia ho cominciato a pensarci su ed a seguire i vari aggiornamenti, ricevendo sempre più spesso le notifiche, tanto da convincermi a partecipare alla prima lezione, argomento trattato i cereali. Tutti questi nuovi sapori ed ingredienti mi hanno spinta a decidere di proseguire. Il corso si è rivelato molto interessante, un corso di cucina vegan con un ampio  uso delle spezie e contaminazioni etniche un po’ da tutto il pianeta, Cina, Giappone, India e Sud America, il che presuppone la conoscenza di ingredienti alternativi, di spezie, e del modo di combinarle tra di loro. Appunto da quel  corso vi propongo questo antipasto, un patè di tofu con olive, capperi e basilico. Il tofu è fatto di cereali contenenti glutine, di per se è un ingrediente neutro, che prende il sapore degli altri ingredienti con il quale viene cucinato. Si presta molto bene a questa preparazione in cui amalgama e combina tra loro tutti gli ingredienti, ottimo se servito su pane nero ma molto buono anche sui crackers. Se siete scettici ricordatevi che lo ero anche io 🙂 Buona giornata!

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 panetto di tofu (circa 130 gr.)
  • 1 cucchiaio scarso di capperi di Pantelleria dissalati
  • 30 gr. olive taggiasche denocciolate
  • 4 foglie di basilico
  • 1/2 cucchiaio di santoreggia
  • 6 cucchiai di olio EVO
  • 1 pizzico di peperoncino in polvere

Tempo di preparazione: 5 minuti

Tempo di cottura: /

Procedimento:

Patè-di-tofu-olive-e-capperi-ricetta-vegana
Sgocciolare il panetto di tofu dalla sua acqua
Patè-di-tofu-olive-e-capperi-ricetta-vegana
Tagliarlo in piccoli pezzetti
Patè-di-tofu-olive-e-capperi-ricetta-vegana
Sgocciolare le olive dall’olio
Patè-di-tofu-olive-e-capperi-ricetta-vegana
Unire tutti gli ingredienti nel mixer e frullare per ottenere un patè denso, non troppo omogeneo
Patè-di-tofu-olive-e-capperi-ricetta-vegana
Assaggiare e se necessario aggiustare a piacere. Servire con pane nero tagliato a fette o con crackers

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved