Frico friabile

ODE AL FRICO 🙂  oggi vi propongo un piatto tipico della cucina friulana, forse proprio il piatto più tipico, il Frico Friabile, molti di voi non lo conosceranno e se non siete stati in Friuli difficilmente avrete avuto modo di assaggiarlo ma se passate da queste parti fatemi sapere, vi suggerisco un posto dove lo preparano buonissimo. Ormai anche in Friuli non lo si trova più così facilmente, lo fanno in alcuni ristoranti e in alcune sagre paesane, imparare a prepararlo è proprio un modo per non perdere le tradizioni. Avevo già preparato in passato il Frico di Patate, molto più comune, che si fa con formaggio morbido e patate, il Frico friabile invece si prepara con una miscela di formaggi stagionati grattugiati oppure, in alternativa, si può utilizzare il formaggio Biraghi grattugiato che si trova al supermercato e che va molto bene. Il Frico friabile è sostanzialmente una cialda di formaggio grattugiato che non deve risultare piatta ma deve essere alta almeno quanto un dito e molto friabile, la preparazione è veloce ma nasconde delle insidie. Naturalmente sarebbe meglio averlo assaggiato almeno una volta prima di cucinarlo, per capire se ci siete andati vicini, ma se vi incuriosisce potete provare a prepararlo anche solo guardando le foto di come viene 🙂 il frico friabile è molto delicato da trattare, bisogna stabilire un feeling onde evitare un completo disastro, e se ci riuscirete sarà amore eterno 😀 un po’ come con noi noi friulani 🙂  Ve lo dico subito, non è un piatto leggero e va mangiato obbligatoriamente con una bella fetta di polenta fumante, meglio se arrostita e con altri piatti friulani come il frico di patate, la salsiccia, il salame … e magari con un po’ di verdurina per smorzare tutto questo sapore. Per preparare un buon frico friabile bisogna tenere presente alcuni punti:

  • bisogna utilizzare un pentolino piccolo antiaderente, altrimenti il formaggio si incollerà direttamente sul fondo;
  • il pentolino deve contenere 3 dita di olio, il formaggio deve galleggiare;
  • l’olio deve avere la temperatura giusta che deve stare attorno ai 150 gradi, sarebbe meglio controllare con un termometro da cucina;
  • il formaggio deve essere versato tutto insieme;

Il formaggio a contatto con l’olio fa la schiuma e poi tende a separarsi, bisogno radunarlo delicatamente tutto al centro e appena forma una cialda unica, con l’aiuto di 2 forchette e con un movimento abbastanza rapido bisogna sollevarlo e girarlo. Per unirsi dovrebbe bastargli 1 minuto, ma siccome è un po’ capriccioso è necessario controllarlo. Se trovate il coraggio di cimentarvi fatemi sapere, so che non è facile ma se vi va di organizzare una cena friulana il Frico Friabile è d’obbligo. In alternativa si trovano in commercio nei piattini di alluminio 😀 Ci sarebbe poi un altro metodo per prepararlo ma lo vedremo magari più avanti.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. formaggio grattugiato Biraghi
  • 1 litro olio di semi di arachidi

Tempo di preparazione: /

Tempo di cottura: 3 minuti a frico

Procedimento:

Ricetta Frico friabile
Mettere in un recipiente 5 cucchiai di formaggio grattugiato
Ricetta Frico friabile
Mettere l’olio in un pentolino e portarlo a 150-160 gradi
Ricetta Frico friabile
Versare il formaggio tutto insieme nell’olio bollente
Ricetta Frico friabile
Inizialmente il formaggio sfrigolerà e si formerà la schiuma
Ricetta Frico friabile
Quando la schiuma sparisce il formaggio inizierà a riunirsi formando uno spessore. Cercate di tenerlo vicino con la punta della forchetta. Quando si sarà attaccato e avrà formato  un cerchio giratelo sottosopra utilizzando due forchette. Fate cuocere ancora 1 minuto e poi sollevatelo
Ricetta Frico friabile
Il frico deve mantenere un colore chiaro, pertanto è da cuocere un paio di minuti al massimo. Mettete il frico a sgocciolare sopra 2 fogli di carta da cucina
Servite il frico friabile con polenta, salame ed un po’ di verdura fresca

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2017 – All rights reserved

Uova in funghetto

Le uova in funghetto sono una ricetta tipica della tradizione friulana. Una ricetta semplice e povera che ricorda la bontà e la genuinità dei sapori di una volta. Protagoniste sono le uova, sode, attorno alle quali viene costruita una ricetta con un soffritto e l’aggiunta di pochi altri ingredienti per preparare un secondo piatto davvero gustoso. Ci sono due modi per cucinare le uova in funghetto, quello che vi propongo oggi è in bianco ed è la versione meno comune, ed è un’alternativa alla versione più classica che prevede le uova sode passate in un sugo di pomodoro o nel concentrato di pomodoro diluito in un po’ di acqua, una versione altrettanto gustosa che si può impreziosire con dei funghi secchi ammollati o quant’altro, a seconda della tradizione e degli usi di ogni singola famiglia. Questa ricetta mi ricorda la mia infanzia, quando, dopo il terremoto del 1976, abitavamo nei prefabbricati e la mamma le preparava la domenica. Ho ancora il ricordo molto vivo di tutto quel periodo, sono stati anni difficili e di grossi cambiamenti per la nostra regione, ma nonostante i numerosi problemi non li ricordo con tristezza, forse perchè ero bambina e non comprendevo del tutto i problemi dei grandi. Buona giornata …  🙂

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 uova
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 noce di burro
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 1 bicchiere di brodo
  • 1 bicchiere di acqua
  • 1/4 di bicchiere di vino bianco
  • 1 cucchiaio di farina

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 38 minuti

Procedimento:

Ricetta uova in funghetto
Per preparare le uova in funghetto iniziamo cuocendo le uova sode. Mettere le uova in una pentola coperte d’acqua fredda ed accendere il fuoco
Ricetta uova in funghetto
Da quando l’acqua fa le bolle grosse calcolare 8 minuti
Ricetta uova in funghetto
Una volta cotte togliere l’acqua bollente e mettere acqua fredda per farle raffreddare più in velocemente
Ricetta uova in funghetto
Preparare il soffritto unendo in una pentola olio, burro e la cipolla tagliata finemente
Ricetta uova in funghetto
Far appassire per una decina di minuti a fuoco basso ed aggiungere il prezzemolo tritato finemente
Ricetta uova in funghetto
Aggiungere poi un bicchiere di brodo e lasciar cuocere ancora 5 minuti
Ricetta uova in funghetto
Nel frattempo spellare le uova e tagliarle a metà
Ricetta uova in funghetto
Aggiungere un cucchiaio di farina nel soffritto e mescolare
Ricetta uova in funghetto
Unire le uova al soffritto
Ricetta uova in funghetto
Aggiungere sale e pepe
Ricetta uova in funghetto
Aggiungere un bicchiere di acqua e lasciar cuocere ancora 5 minuti

Ricetta uova in funghetto

Ricetta uova in funghetto
Servire le uova in funghetto calde

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015-2016 – All rights reserved

Frico di patate

Il frico di patate è un classico della cucina friulana, io sono cresciuta mangiando polenta e frico ed ogni volta per noi è una festa. Il frico è un secondo piatto composto sostanzialmente da patate e formaggio in pari quantità, ma volendo si può anche diminuire un pochino la quantità di formaggio, o aumentare la dose di patate, verrà ugualmente buonissimo. Il vero frico andrebbe preparato facendo cuocere le patate tagliate fini in un soffritto di cipolla, coperte dal tappo fino a quando diventano molli, dopo di che si coprono con cubetti di formaggio Montasio, di 2 diverse stagionature, 60 e 90 giorni. Il formaggio viene lasciato fondere rimestando fino ad ottenere un composto uniforme, poi  si lascia formare la crosticina ed il frico è pronto, mia mamma l’ha sempre fatto così. Come tutte le ricette regionali ogni casa adotta le sue varianti, io tendo ad ottimizzare, lesso le patate e le schiaccio con lo schiacciapatate direttamente sopra il soffritto, molto tempo e lavoro risparmiati. So che per alcuni questa è un’eresia e che griderebbero al sacrilegio 🙂 ma mi sono accorta che il gusto non cambia, quindi ho adottato questa versione, ma nessuno vi vieta di provare a farlo nella sua versione originale 🙂 . Per questa ricetta è necessario usare una pentola antiaderente, altrimenti il frico si attaccherà sul fondo, come accompagnamento la polenta è d’obbligo. Di frico ne esiste anche una tipo  di solo formaggio, si chiama frico friabile, anche quello molto buono, magari lo farò più avanti. Questo blog mi da la possibilità di “esportare” alcuni dei piatti della cucina friulana poco conosciuti nel resto d’Italia, ma sicuramente di alto valore e questo mi fa molto piacere.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1/2 cipolla
  • 1 noce di burro
  • 500 gr. patate
  • 200 gr. formaggio Montasio 60 giorni
  • 200 gr. formaggio Montasio 90 giorni

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Procedimento:

frico-di-patate
Per preparare il frico di patate iniziamo lessando le patate con tutta la buccia, in poca acqua, nella pentola a pressione, salandole con sale grosso
frico-di-patate
Mentre le patate cuociono tagliare la cipolla finemente e farla appassire in poco burro in una pentola antiaderente
frico-di-patate
Prendere il formaggio Montasio e tagliarlo a cubetti
frico-di-patate
Una volta lessate le patate lasciarle intiepidire qualche minuto e poi sbucciarle
frico-di-patate
Quando la cipolla è appassita schiacciare sopra le patate con lo schiacciapatate
frico-di-patate
Mescolare le patate per compattarle e poi aggiungere il formaggio Montasio
frico-di-patate
Mescolare il tutto per amalgamare gli ingredienti e permettere al formaggio di fondere. Se il formaggio rilascia troppo olio si può eliminare
frico-di-patate
Una volta che il formaggio è completamente sciolto iniziare a far formare la crosticina. Passare il cucchiaio di legno sui bordi e muovere più volte la pentola in modo che il frico non si attacchi ai bordi o sul fondo
frico-di-patate
Quando si vede che si è formata una leggera crosta, con l’aiuto di un piatto, girare il frico o facendolo scivolare sul piatto e poi rovesciando il piatto sopra la pentola o mettendo il piatto sulla pentola e girando la pentola. In questo caso fare attenzione alla fuoriuscita dell’olio bollente
frico-di-patate
Quando si sarà formata una crosta anche sull’altra superficie il frico è pronto
frico-di-patate
Disponete il vostro frico su un tagliere e servitelo in tavola accompagnato da una bella polente fumante

Se desideri un chiarimento prima di provare questa ricetta o se vuoi lasciare un saluto scrivi il tuo commento, se questo piatto ti è piaciuto condividilo sulla tua bacheca.

Per ricevere una e-mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo iscriviti alla newsletter o clicca mi piace a questo link

Caramello Salato © Copyright 2015 – All rights reserved